AdWords ora si chiama Google Ads. Il nuovo nome riflette l'ampia gamma di opzioni pubblicitarie che offriamo per la rete di ricerca, la Rete Display, YouTube e altre piattaforme. Scopri di più

121 utenti online in questo momento
121 utenti online in questo momento
Dubbi e domande su Budget, Impostazioni di Campagna, Estensioni Annuncio e Strategie d'offerta? Chiedi qui!
Guidami
star_border
Rispondere

Campagna Cross Device o due campagne separate?

Studente ✭ ✭

Ciao  a tutti Smiley Felice

secondo voi, è meglio:

-Creare una campagna che giri su tutti i device (nel caso adwords mi permette di monitorare le perfomance sia su web che su mobile)

-Creare due campagne separate. In questo modo avrei forse più controllo sulle singole kw.

 

Qual è il vantaggio di una singola campagna potenziata?

 

Cosa mi consigliate? Perchè?

 

Grazie mille!

 

Rif.: Campagna Cross Device o due campagne separate?

Prof. ✭ ✭ ✭
Ciao Nicola P

il motivo per cui ti conviene una campagna "potenziata" è presto detto: NON PUOI FARE ALTRIMENTI.
O meglio, puoi escludere il mobile (mettendo -100%) e puoi fare una campagna "rustica" solo mobile. Con rustica intendo che sarebbe un'approssimazione.
Seguimi su Google Plus +Rossella Cenini | fucsia blog

Rif.: Campagna Cross Device o due campagne separate?

Prof. ✭ ✭
Ciao Nicola

Purtroppo da quando esistono le potenziate sei costretto a fare come dice Rossella prima potevi invece dividere le due campagne anche perche il bello dei diversi divice sono anche le chiavi e le corrispondenze da usare e quindi cambia radicalmente la strategia. Sui desktop dovrai usare oltre alle chiavi generiche anche delle chiavi come le chiama Rossella a coda lunga magari con corrispondenze più ristrette come a frase o ad esatta, mentre quando punti agli smartphone o altri dispositivi mobili e buona regola usare chiavi brevi a corrispondenza più aperta data la bassa risoluzione dei telefoni e la fase di acquisto in cui si trovano tali utenti.
L importante e avere la garanzia che il sito sia ottimizzato bene per i dispositivi mobili se vuoi spingere su questi di vice

A presto

Daniele
Daniele C. SiComunicaWeb

www.sicomunicaweb.it

Rif.: Campagna Cross Device o due campagne separate?

Prof. ✭ ✭ ✭

@daniele,

non è che le chiamo io "coda lunga" / "long tail". Giusto a titolo informativo, il nome deriva da Chris Anderson che non è che sia proprio l'ultimo degli st#0n*1. Si insomma, chi fa il nostro lavoro non può non conoscere Chris Anderson.

 

In secondo luogo, per le ricerche da mobile.... non ricordo la fonte precisa (ma era una cosa attendibile, non il cioè) ma.. le query da mobile stanno diventando più lunghe, hai presente la ricerca vocale?? 

Seguimi su Google Plus +Rossella Cenini | fucsia blog

Rif.: Campagna Cross Device o due campagne separate?

Studente ✭ ✭
Grazie delle info. In effetti sulla search non è possibile scegliere il device.
Per quanto riguarda invece le campagne con annunci testuali su GDN, in questo caso posso scegliere dispotivi, rete, OS.
Quindi sulla rete display meglio due campagne separate o una singola campagna?

Rif.: Campagna Cross Device o due campagne separate?

Prof. ✭ ✭
Ciao Nicola,

sulla base di ciò che ho letto ed appreso, io resto dell'idea che bisognerebbe trattare ogni argomento come se fosse fine a se stesso ed in particolar modo, dal momento che si tratta anche di studiare dei banner specifici per i vari divice potrebbe esser utile trattare anche queste "faccende" in modo separato.

Immagina appunto di vedere un banner di piccole / medie dimensioni, sul pc riusciresti comunque a capire che cosa ti sta proponendo il messaggio e quindi potresti esser interessato ad approfondire cliccandoci sopra. Per i dispositivi mobili, data la bassa risoluzione e le limitate dimensioni degli schermi dovresti studiare delle creatività più dirette che siano facilmente comprensibili dagli utenti che si connettono con tali dispositivi.

Inoltre, stando sempre alla mia esperienza, potresti registrare dei CTR maggiori sui dispositivi e sarebbe pertanto utile dedicarci un budget a parte in modo da poter effettuare delle offerte maggiori dato il buon tasso d'interazione che ho registrato ultimamente nei banner su dispositivi mobili.

Riallacciandomi comunque all'utilizzo di chiavi più generiche e brevi rispetto alle long tail è vero ciò che dice Rossella sul fatto che il mercato stia cambiando e che grazie alle ricerche vocali, le parole chiave utilizzate dai mobile è più affine precisa e sopratutto più lunga ma parliamo sempre dell'Italia, Paese che purtroppo è ancora un po arretrato su queste "novità" pertanto, la tendenza e i riscontri che ho potuto testare sulle mie campagne è ancora saldamente ancorato alla ricerca a "pollice" da questi dispositivi = parole brevi (max 3 parole a ricerca) e visualizzazioni di poche pagine / siti data la scarsa copertura internet e la velocità di caricamento delle pagine, sopratutto per siti non ottimizzati, per questo motivo ad oggi, in Italia, temo che sia ancora valida la teoria dell'uso di chiavi brevi e di puntare tutto sul posizionamento in modo da esser uno dei pochi che "subirà" la valutazione del cliente e di avere quindi un tasso di conversione maggiore rispetto ai collegamenti Desktop.

Questa è ovviamente una mia teoria e una mia esperienza che ho voluto riportarti per cercare di aiutarti, non è legge questi sono dati medi sui clienti che tratto ma ogni tipo di categoria merceologica e sito, andrebbe analizzata in maniera personalizzata, se vendi un prodotto per giovani la cosa potrebbe cambiare radicalmente, se sponsorizzi un prodotto rivolto ad una fascia di età superiore ai 40 magari potrà tornare più utile.

In pratica come amo definire questo settore, non esistono regole certe, esistono i pro e i contro in ogni singolo strumento sta a te fare il sarto e cucire sul sito del tuo cliente campagne uniche e personalizzate.

A presto

Daniele
Daniele C. SiComunicaWeb

www.sicomunicaweb.it