160 utenti online in questo momento
160 utenti online in questo momento
Forum di Supporto per aiutarti a migliorare le performanc delle tue campagne pubblicitarie con Google AdWords
Guidami
star_border
Rispondere

Situazione asta (teorica)

Matricola ✭ ✭

Ciao,  ho intenzione di prendere la certificazione per adwords. Studiando la procedura delle aste per gli annunci e quindi il rapporto tra CPC max e Qualità, ho provato farmi degli esempi da solo in modo tale da capire meglio il meccanismo del posizionamento. La mia domanda è questa: Nel caso in cui A e B hanno un ranking uguale come si comporta Adwords per il posizionamento e per il CPC effettivo?  

A: CPC max 6 Qualità 8 Ranking 48

B: CPC max 8 Qualità 6 Ranking 48

2 Risposte degli espertiverified_user

Situazione asta (teorica)

Collaboratore Principale

Il ranking viene "vinto" da chi dei due ha il miglior impatto previsto delle estensioni di annuncio (quindi in generale chi dei due diciamo ne "ha configurate "di piu' e meglio" ), riguardo poi il CPC Reale pagato, che come sai e' il minimo cpc ideale a mantenere la posizione "vinta nel ranking" in questo caso sarebbe 6 nel caso il ranking lo abbia vinto A, o sarebbe 8 nel caso il ranking l'avesse vinto B (sono gia' pari come ranking quindi quel cpc max che hanno e' anche il cpc minimo richiesto a mantenere la posizione ottenuta nel ranking) 

Situazione asta (teorica)

Collaboratore Principale

dimenticavo ... mentre invece il Cpc reale pagato dal "secondo classificato" dipende dal valore di Ad Rank (Cpc Max x QS) realizzato dall'inserzionista al "terzo posto" (e cosi' via...)

Situazione asta (teorica)

Collaboratore Principale

Ciao Simone, in aggiunta a quanto già esaurientemente scritto da Nicola, ti segnalo che il PQ non è un numero intero: quello che leggiamo nella colonna PQ è il suo arrotondamento.
In realtà il calcolo scientifico dell' AdRank è effettuato da AdWords moltiplicando il valore "reale" (non arrotondato) del PQ per il CPC Max. In questo modo è quasi impossibile (molto molto difficile) che ci si trovi nella situazione esatta di avere due AdRank uguali.
Aggiungere un'estensione, ad esempio, ti fa rosicchiare decimali che ti fanno aumentare il PQ anche se, apparentemente, resta invariato (il suo valore arrotondato).
Ciao,
Gaetano

Situazione asta (teorica)

Matricola ✭ ✭

Grazie mille @Nicola B e @Gaetano Trap. In effetti non avevo preso in considerazione la parte riguardante le estensioni.

Per quanto riguarda il cpc effettivo quindi dovrebbe funzionare così:

4 annunci per 3 posizioni e B è primo grazie alle estensioni

    CPC MAX    PQ    AdRank   Posiz.   CPC Eff.

A       5           7         35        3          2.57

B       6           8         48        1           6

C       3           6         18        4           X

D       8           6         48        2          5.83

Situazione asta (teorica)

Matricola ✭

Rif.: Situazione asta (teorica)

[ Modificato ]
Collaboratore Principale

Si esatto Simone, i "calcoli" sono quelli... in realta' pero' questo tema apparentemente "semplice", nasconde alcune questioni e qualche piccolo dubbio, che cerchero' di spiegare cosi' magari possiamo cosi' ampliare la discussione con l'intervento di altri esperti Smiley Strizza l'occhio  

1) Si dice sempre che il cpc reale e' il minimo indispensabile per "mantenere la posizione ottenuta nel ranking dell'asta". Questo viene interpretato da molti come "un centesimo in piu'" del cpc che pareggia il ranking, anche perché viene scritto esplicitamente in uno degli esempi nell'area di supporto (solo in quella in lingua inglese pero': https://support.google.com/adwords/answer/6297?hl=en ), vedrai che si parla di un 2.01 usd di CPC reale ... ( "If the advertiser immediately below you bids US$2.00, and if that advertiser's ad is the same quality as yours (and has equal-performing extensions and ad formats), you'd typically need to bid a penny more than US$2.00 to rank " )..
E infatti se cerchi su google "formula del CPC reale" troverai moltissimi articoli (ma non di google) , incluso l'articolo scritto e segnalato qui da Gaetano, che scrivono che la formula e' qualcosa del tipo:

 

CPC real = (Ad Rank of Next Highest Bidder / Quality Score) + 0,01€

 

Quel centesimo in piu' che a me "non e' mai tornata molto" per due ragioni:

- la prima e' che sempre (incluso nell'area support di google) si dice che comunque "il cpc reale non sara' mai maggiore del Cpc Max e come si vede bene nel tuo esempio , se applicassimo la formula "col centesimo in piu'" se a vincere l'asta e' stato l'inserzionista A allora dovrebbe avere un Cpc reale di 6.01$ che sarebbe piu' alto cel Cpc max!!!

- Nei (vecchi ) video ufficiali di Google (questo : https://www.youtube.com/watch?v=1KMe6BoIEiQ&feature=youtu.be) non si parla di assolutamente di un centesimo in piu', anzi si spiega come le aste di google seguono un principio conosciuto come "second price action" dove appunto il costo reale pagato da chi vince l'asta e' quello del secondo "concorrente" ... le immagini del video di allora (e' il 2009) sono chiarissime:

Captura de pantalla 2017-01-22 a la(s) 11.06.45.png

 

e la formula nel momento in cui si introduce il concetto di QS  (allora ancora non si considerava l'impatto delle estensioni che e' stato introdotto nel 2013) viene descritta appunto come:

Captura de pantalla 2017-01-22 a la(s) 11.02.27.png

 

Il prezzo pagato e' appunto dato dal Ad rank del secondo classificato (qs x Cpc max) diviso il proprio QS... NON c'e alcuna traccia del + 0.01 $ !!!

Nel nuovo video (questo : https://www.youtube.com/watch?v=SZV_J92fY_I&feature=youtu.be)  dove si ripete la stessa spiegazione di allora pero' ora introducendo l'impatto delle estensioni sul calcolo in effetti si menziona chiaramente un valore di costo reale  "minimo indispensabile per "mantenere la posizione ottenuta nel ranking dell'asta" ma "sparisce " la formula e pur introducendo nel video nuovamente il concetto di "second price auction" (quindi senza bisogno di aggiungere un centesimo) quando arriva il momento dei calcoli "ci spiazza" con questa immagine:

Captura de pantalla 2017-01-22 a la(s) 11.16.44.png



che come si puo' vedere nel calcolo del Cpc reale di ogni inserzionista nell'esempio, NON corrisponde piu' minimamente alla formula che eravamo abituati a conoscere perche ora (il primo avrebbe dovuto pagare 1,5 $ no 1.73) , sembrerebbe , l'impatto delle estensioni partecipano al valore del QS, SEMPRE (a vedere l'immagine si direbbe che non solo nel caso di "pari adrank" ma appunto sempre *e questo e' un altro dubbio che ho) senza darci alcuna possibilita' di capire con che valore matematico ,  e quei valori espressi di CPC reale quindi non possono piu' essere calcolati da noi ....  non a caso la formula non viene piu' presentata nel video e ora quindi il dubbio ancora rimane ... si aggiunge quel benedetto centesimo o no??   Smiley Molto-felice

Ti diro' ... io , nonostante quell'esempio espressamente indicato nell'articolo di google support versione inglese (https://support.google.com/adwords/answer/6297?hl=en) sono ancora convinto di no! Smiley Molto-felice 

Voi che ne pensate? 

Rif.: Situazione asta (teorica)

Collaboratore Principale

 

@Nicola B l'argomento è assolutamente "affascinante" !!!

Però tutto ha una spiegazione se immaginiamo il QS un numero decimale (per esempio, ma non ne ho assolutamente idea, a due cifre decimali) e se consideriamo quello che leggiamo nei report AdWords solo un arrotondamento a un numero intero.
Nell'esempio di @Simone C, se immaginiamo che a parità di Ad Rank "arrotondato" tra B e D prevalga B, questo significa che (a parità di CPC Max offerto), B ha un QS superiore di D; ad esempio, B non ha un QS di 8, ma di 8,01, oppure che D non ha un QS di 6 ma di 5,99.
Questa logica ci porta a vedere confermata la formula con +0,01€, perchè B pagherebbe, rifacendo i calcoli (ho creato un excel ;-)))) 5,99+0,01 ovvero i 6€ che aveva impostato come CPC Max, senza sforare.
Ad AdWorld Experience 2016 a Bologna posi la stessa domanda a Frederick Vallaeys; lui mi rispose che è praticamente impossibile che, in un'asta, due inserzionisti abbiano lo stesso QS, poichè sono talmente tante le variabili in gioco (estensioni incluse, ovviamente) che il numero che esce, frullandole tutte, è un numero con molte cifre dopo la virgola.
Che ne dici?

 

Situazione asta (teorica)

Collaboratore Principale

Dico che appunto, se matematicamente NON esiste il pareggio MAI, non c'e' alcun bisogno del +0.01$ Smiley Felice
che quindi non si capisce perché viene sempre indicato nelle formule che si trovano in giro (google invece non la dichiara piu' la formula Smiley Strizza l'occhio )

Se invece il pareggio esiste , mi sono convinto vedendo quei video di cui sopra, che sia l'identico adranking del inserzionista "di sotto"  a stabilire il Cpc reale, come avviene appunto nelle aste basate nel "second price auction", che google stesso dichiara di usare...  

Eppoi perche' non aggiungere allora un + 0.001$   oppure + 0.00001 $ quale sarebbe in ogni moneta il valore "Piu" basso" di riferimento... non so, mi sembra una variabile "sporca", per niente elegante, e probabilmente non necessaria...  ma appunto magari mi sbaglio. A parte quell'articolo del support in inglese pero' riferimenti ufficiale a quel 0.01$ non sono riuscito a trovarne!

Situazione asta (teorica)

Collaboratore Principale

Lo 0.01€ lo interpreto come incremento minimo di offerta; cioè, non si possono piazzare offerte con indicazione di più di 2 decimali (se provi a scrivere 1,1211111 AdWords ti avvisa che sarà impostato 1,12) e quindi la dicitura "minimo per continuare a battere il concorrente che ti segue nel ranking" l'ho sempre interpretato come 0,01.
Cmque il tuo ragionamento non fa una piega: pagare per mantenere la posizione potrebbe tranquillamente equivalere a "pareggiare" l'AdRank del concorrente che è dietro di te. Non credo che Larry e Sergei si arricchiscano col centesimo in più (almeno...non rispetto al resto del CPC ;-))))))