206 utenti online in questo momento
206 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

3 Semplici Trucchi per migliorare il CTR

7K0A0664.JPG

Livello: principiante
Area: CTR, annunci

 

Sempre ammesso che il CTR sia un valore che può lavorare singolarmente, esistono dei modi attraverso i quali è possibile migliorarne le performance.
Quando dico “lavorare singolarmente”, intendo dire che comunque il CTR è uno degli elementi che concorrono al punteggio di qualità e insieme al CPC max, influenzano il ranking dell’annuncio.
L’aumento del ranking, disposto anche dalla percentuale di clic sull’annuncio (il CTR appunto), porta quindi più traffico sul sito web. Migliore posizione, sviluppa il tasso di clic, abbassa i costi e quindi amplia il traffico.
Il problema reale, è però poi la pertinenza di quanto scritto nell’annuncio, che deve essere riscontrato nel contenuto della landing page. L’esperienza d’uso della landing page è poi l’elemento determinante per il successo delle campagne. Soprattutto adesso che AdWords pretende conversioni per passare a smart bidding (CPA target e ROAS in particolare) e che gli annunci vengono ottimizzati per performance, aumentare i clic e non avere un riscontro in termini di conversioni, potrebbe essere pericoloso.

Vediamo quindi 3 sistemi davvero semplici, per agevolare la quantità di clic, ricordando sempre e comunque, che gli annunci devono essere esplicativi ed esaustivi (per questo usate abbondantemente le estensioni) di quello che sarà il contenuto della landing page.

 

1. Annunci Countdown
Gli annunci con “conto alla rovescia” garantiscono maggiore attenzione e attrazione sull’utente. Uno dei principali vantaggi è che l’annuncio cambia continuamente, aggiornandosi in base ai giorni di scadenza. Attivarlo è semplicissimo grazie alla maschera automatica che si attiva inserendo la graffa nell’annuncio. Meglio inserire il countdown nel titolo - ma non necessariamente - in quanto risulterà più evidente quando l’annuncio si attiva.
La riga migliore nella quale inserire il countdown, è la seconda.

 

2. Inserimento Parola Chiave
Anche questo si attiva con la graffa. Poi il sistema mostra il semplice codice da configurare. Preferite sempre la formula KeyWord, che mette tutte le iniziali della frase in maiuscolo. Il "keyword insertion", garantisce che la chiave che attiva l’annuncio è presente nell’annuncio. Quando si usa questa pratica, è opportuno mettere lo snippet di codice sia nel titolo che nella descrizione, facendo attenzione che la frase abbia un senso compiuto.

 

3. Numeri e punteggiatura
I numeri rappresentano una variazione visiva rispetto alle lettere. Inseriti opportunamente nel titolo, nella parte sinistra dell’annuncio, sono elementi che richiamano l’attenzione.
Anche l’uso del punto interrogativo nel titolo è particolarmente efficace. Questo vuol dire che inserire un titolo con una domanda, è più suggestivo. Per esempio “Cerchi Auto Usate?”, funziona meglio di “Auto Usate in Vendita” (ma provate sempre le due alternative). L’esclamativo a fondo frase nella descrizione è altrettanto interessante in termini di rendimento.

Bio Andrea Testa

Lavoro in ambito web dal 1993 e da sempre mi occupo di indicizzazione e marketing. Dal 2005 affronto l'advertising online e l'indicizzazione con un'ottica prettamente SEM, dedicata cioè al Search Engine Marketing, comprese le sue attuali derivazioni legate ai Social Media. Dal 2012 sono docente di Web Marketing al Corso di Laurea Magistrale in Marketing Consumi e Comunicazione alla IULM di Milano.