335 utenti online in questo momento
335 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

5 motivi per usare il Targeting Demografico. #OKDisplay

mbiagiotti-okdisplay.png

 

In un precedente articolo della rubrica OKDisplay abbiamo affrontato il funzionamento tecnico dell’opzione di targeting demografico.

 

Cerchiamo adesso di capire, invece, quali sono le motivazioni che possono giustificare l’impiego di questa importante opzione.

 

Sostanzialmente gli obiettivi dell’impiego del targeting demografico sulla Rete Display possono essere così riassunti:

  • Personalizzare le offerte e gli annunci;
  • Concentrarsi sul pubblico più adatto;
  • Perfezionare le altre opzioni di targeting;
  • Incrementare il ROI;
  • Estendere l’opzione a più attività.

 

Cerchiamo di analizzare singolarmente questi obiettivi.

Personalizzare le offerte e gli annunci

Le proposte commerciali e i messaggi degli annunci dovrebbero essere calibrati per corrispondere alle aspettative di ciascun gruppo di pubblico identificato da specifiche fasce di età, di genere o di stato parentale.

 

Ad esempio un annuncio per vendere una specifica autovettura potrebbe rivolgersi a un giovane maschio sottolineandone la sportività, a una giovane donna evidenziandone l’esclusività del design e a un padre mostrandone gli aspetti di sicurezza per i propri figli.

Concentrarsi sul pubblico più adatto

Il targeting demografico può aiutare a massimizzare le probabilità di conversione in quanto permette di rivolgersi in modo specifico a clienti in base alla loro fascia di età, il loro sesso o il loro stato parentale per prodotti o servizi che dipendono molto da queste variabili.

 

Se i prodotti o i servizi sono specificamente rivolti a un sesso, o se il tuo cliente tipico medio rientra in una determinata fascia di età o deve avere un determinato stato parentale, il targeting demografico è un’opzione imprescindibile.

Perfezionare le altre opzioni di targeting

Il targeting demografico può essere combinato con qualsiasi strategia di targeting sulla Rete Display di Google per raggiungere i clienti in modo più pertinente e preciso ad esempio escludendo determinate fasce di età, sessi e/o stati parentali.

 

Se ad esempio si vuole promuovere una conferenza gratuita che mira ad ospitare manager aziendali potrebbe essere opportuno escludere le giovani fasce di età per impedire l’iscrizione di studenti che evidentemente non sono in target.

Incrementare il ROI

Grazie alle opzioni di targeting demografico è possibile ottimizzare anche il ritorno dell’investimento escludendo quelle categorie in termini di età, sesso o stato parentale che dimostrano avere performance non soddisfacenti o modificando i messaggi in modo da migliorare i risultati su specifiche categorie.

 

Con il rapporto sulle categorie demografiche sulla Rete Display, si possono ottenere, infatti, informazioni sul pubblico che aiutano a gestire e analizzare più metodi di targeting demografico

 

Le tabelle demografiche, in particolare, mostrando i gruppi demografici raggiunti dagli annunci, evidenziano il rendimento effettivo degli stessi con la loro copertura demografica e, dunque, consentono di identificare i segmenti di pubblico che generano più conversioni.

 

Ad esempio se un annuncio non ha performance soddisfacenti su una determinata categoria demografica sarà possibile escluderla (perché non pertinente) oppure modificare, per quella categoria, il messaggio dell’annuncio stesso (perché al momento non abbastanza attrattivo).

Estendere l’opzione a più attività

Il targeting demografico può essere aggiunto ai gruppi di annunci non soltanto per le campagne della Rete Display, per le campagne di video online ma anche per quelle sulla Rete di Ricerca.

 

Per una campagna di "remarketing" è necessario assicurarsi di selezionare il targeting demografico dopo aver creato la campagna stessa.

 

Bio Marco Biagiotti

Laureato in economia ma ufficiosamente hacker, è socio amministratore di Telemaco, agenzia di marketing in Italia e in Marocco, Top Contributor di Google Ad​W​ords​, formatore e​ autore di libri quali Web Marketing Internazionale, Social Media Advertising e Google ​Data Studio Per Tutti. ​​La potenza di AdWords sia in ottica di pubblicità che di raccolta di informazioni non poteva non sedurlo e coinvolgerlo al punto di aiutare altri che vi si avvicinano.