305 utenti online in questo momento
305 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Amore a prima vista: le conversione view through. #OKDisplay

mbiagiotti-okdisplay.png

 

Chi si occupa di campagne sulla Rete Display di Google spesso (quasi sempre) si trova ad avere a che fare con CTR molto più bassi rispetto a quelli rete di ricerca.

 

Il motivo è chiaro e semplice: mentre su Google un utente cerca un determinato prodotto o servizio o una specifica informazione, sui siti in cui naviga non manifesta in modo altrettanto evidente il proprio intento: è quindi più difficile massimizzare la pertinenza dell’annuncio.

 

Magari si sta informando in modo molto specifico oppure sta leggendo delle informazioni senza troppo prestare attenzione agli annunci.

 

Però gli annunci sulla Rete Display di Google e in particolare quelli adattabili o illustrati possono “parlare” all’utente anche se l’utente stesso non fa clic.

 

Esatto: non si vive di soli clic!

 

Se ad esempio un inserzionista vuole promuovere una trasmissione televisiva sul canale X alle ore 20.30, potrà far passare queste informazioni direttamente nell’annuncio senza che l’utente sia invogliato a fare clic: ha già tutte le informazioni necessarie.

 

Allo stesso modo un utente che sta navigando su un sito e sta cercando un’informazione importante in quel momento (si pensi a chi cerca un numero di telefono in una lista di aziende o a chi sta guardando un percorso su di una mappa) potrebbe visualizzare e vedere un annuncio ma non fare clic in quello specifico momento.

 

Però potrebbe ricordarsi dell’annuncio in un secondo momento e con più calma (o con un altro dispositivo) accedere al sito cercandolo su Google o digitandolo direttamente nella barra delle URL e magari procedere a una registrazione o ad un acquisto, ovvero convertire.

 

La precedente visualizzazione dell’annuncio deve necessariamente avere un valore nel percorso di conversione dell’utente.

 

Come fare a tracciare queste conversioni? Facile: con le conversioni view-through.

 

Aggiungendo la colonna "conversioni view-through" è possibile visualizzare per campagna, gruppo di annuncio o altri elementi dell’account quanti clienti hanno visualizzato l’annuncio ma non hanno interagito con esso ma hanno tuttavia, in un secondo momento, realizzato una conversione.

 

Grazie a questa metrica, dunque, è possibile monitorare l'efficacia delle campagne display o di annunci video anche dal punto di vista di “semplice” comunicazione pubblicitaria che ha un’efficacia anche al di là della contestuale conversione: anche l’impressione ha dunque un valore!

 

L'ultima impressione visualizzabile (ovvero quando almeno il 50% dell’annuncio resta sullo schermo per almeno un secondo) si trasforma in una conversione view-through quando l’utente effettua la conversione.

 

Per disporre di una buona metrica per valutare l’efficacia delle conversioni view through è possibile aggiungere una colonna personalizzata con le Conversione View Through moltiplicate per il valore della conversione stessa.

 

 

0 Mi piace
Bio Marco Biagiotti

Laureato in economia ma ufficiosamente hacker, è socio amministratore di Telemaco, agenzia di marketing in Italia e in Marocco, Top Contributor di Google Ad​W​ords​, formatore e​ autore di libri quali Web Marketing Internazionale, Social Media Advertising e Google ​Data Studio Per Tutti. ​​La potenza di AdWords sia in ottica di pubblicità che di raccolta di informazioni non poteva non sedurlo e coinvolgerlo al punto di aiutare altri che vi si avvicinano.