80 utenti online in questo momento
80 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Ancora tu: remarketing & customer match. #OKDisplay

mbiagiotti-okdisplay.png

Nella disamina dei vari metodi di targeting offerti dalla Rete Display di AdWords assumono particolare importanza quelli che consentono di mostrare annunci pubblicitari a utenti già “conosciuti”.

 

Una forma particolare di targeting per interessi, infatti, è quello di remarketing: questa opzione può aiutare a raggiungere persone, sui siti e le app della Rete Display di Google, che hanno già visitato il sito web dell’inserzionista o ne hanno usato l’applicazione mobile.

 

Un esempio “classico” di remarketing è quello che mira a far tornare un utente su un sito dopo che ha aggiunto dei prodotti nel carrello senza procedere all’acquisto, attraverso l’esposizione di annunci pertinenti sui vari dispositivi che questi utilizza.

 

Il targeting di remarketing, che si trova nell'account accanto alle categorie di interesse, consente di far visualizzare gli annunci a utenti che hanno visitato in precedenza o che hanno interagito in qualche modo definito con il sito dell’inserzionista.

 

E’ evidente come questa funzionalità possa generare alti tassi di conversione, indirizzare annunci estremamente pertinenti e personalizzati per gli utenti e soprattutto aumentare il ritorno sull'investimento (ROI) di tutti i tipi di inserzionisti.

 

In particolare una campagna di remarketing consente di:

 

  1. Raggiungere gli utenti quando sono maggiormente propensi all'acquisto in quanto hanno già interagito con l’attività dell’inserzionista;
  2. Definire elenchi personalizzati per gli obiettivi pubblicitari da utilizzare per diverse modalità di comunicazione come ad esempio per mostrare annunci a utenti che hanno inserito un prodotto nel loro carrello della spesa, ma non hanno proceduto all’acquisto
  3. “Seguire” gli utenti durante le loro navigazioni;
  4. Determinare in modo efficace il prezzo grazie a strategie di offerta  automatiche come CPA target e ritorno sulla spesa pubblicitaria;
  5. Personalizzare la tipologia di annunci sulla base delle precedenti interazioni con l’utente;
  6. Raggiungere gli utenti anche durante la loro fase di ricerca sulla Rete di Ricerca di Google.

 

Nonostante la potenza di questo tipo di targeting vale però la pena sottolineare come sia richiesta la gestione avanzata delle liste di remarketing e come sia indispensabile l’impostazione di una corretta quota limite (non sempre facile da determinare) per evitare di tempestare l’utente con deleterie comunicazioni ripetitive.

 

Attraverso la funzione “Simili agli elenchi per il remarketing” è possibile estendere il target anche a nuovi utenti che non hanno visitato il sito dell’inserzionista ma che Google ritiene, sulla base delle loro navigazioni, essere simili.

 

Una forma particolare di remarketing è quella di rivolgersi a utenti già perfettamente conosciuti dall’inserzionista come ad esempio i propri leads o i propri clienti.

 

Il targeting per elenchi di clienti (o Customer Match) consente di caricare a sistema gli indirizzi email di propri clienti e leads in modo da attivare campagne di remarketing e individuare segmenti di pubblico affini.

 

Questa interessante opzione, disponibile solo per particolari posizionamenti come YouTube e Gmail, consente di rivolgersi a un pubblico sicuramente interessato con il vantaggio di poter estendere il reach, grazie all’opzione “Simili alle mailing list dei clienti”, con utenti che hanno dimostrato di essere affini ai clienti o leads già acquisiti.

 

Vale la pena osservare che l’estensione del reach potrebbe non essere sensata per alcune campagne come ad esempio quelle indirizzate a clienti che hanno acquistato un prodotto per fornire servizi after sales.

 

Chiaramente le campagne devono essere in linea con le liste caricate e tali liste devono essere gestite e aggiornate con costanza e frequenza.

Bio Marco Biagiotti

Laureato in economia ma ufficiosamente hacker, è socio amministratore di Telemaco, agenzia di marketing in Italia e in Marocco, Top Contributor di Google Ad​W​ords​, formatore e​ autore di libri quali Web Marketing Internazionale, Social Media Advertising e Google ​Data Studio Per Tutti. ​​La potenza di AdWords sia in ottica di pubblicità che di raccolta di informazioni non poteva non sedurlo e coinvolgerlo al punto di aiutare altri che vi si avvicinano.