267 utenti online in questo momento
267 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Il Risveglio delle Automatizzate - Star AdWords Ep.7

Star-AdWords-Andrea-Testa.png

 

Tornato sul remoto pianeta di AdWords, il QS ha ormai preso forma e forza. Concentrare le proprie energie per ottimizzarlo, può diventare determinante. Toccherà a un manipolo di coraggiosi, provare a farlo risvegliare definitivamente grazie all'uso delle regole automatizzate.

 

Automatizzare
Detto da un fanatico del controllo manuale, parlare di regole automatizzate, può risultare spaventoso! Non è questione di scegliere tra Lato Scuro o Luce... Non si tratta di impugnare una spada rossa o verde... si tratta di far luce su una necessità. Quindi diciamo che va bene accendere una luce bella gialla!

 

Il nostro obiettivo è automatizzare, fare cioè in modo che se si verifica una condizione, AdWords automaticamente regoli il CPC al fine di portare un vantaggio.
Siccome stiamo parlando di punteggio di qualità, una volta srotolato il menù "automatizza", dovremo scegliere "Modifica offerte CPC max quando..."

 

Schermata 2016-06-20 alle 07.22.38.png

Non uno, ma più requisiti
Si tratta di generare una condizione. Quindi non temete di aggiungere requisiti. Nell'esempio che porto, ne vado a inserire alcuni, quanti ne occorrono affinché il sistema acquisti una parvenza di credibilità.
Abbiamo detto che dobbiamo lavorare sul punteggio di qualità.

 

Schermata 2016-06-20 alle 07.22.58.png

Prendiamo per esempio quelle chiavi abbandonate dalla luce. Chiavi che pur nascendo ricche di speranza, si sono dimostrate poi inconsistenti.
Preso atto che abbiamo ottimizzato annunci e landing page, adesso dobbiamo stimolare queste chiavi, affinché provino a risorgere!

 

Alziamo il CPC per il CTR
Una cosa che possiamo dunque fare è provare ad aumentare il CPC max delle chiavi che hanno basso punteggio di qualità, in modo tale da alzarne la posizione e garantirsi quindi un CTR maggiore.
A cascata, tali chiavi, potrebbero quindi abbassare il costo, proprio acquisendo vigore grazie al (potenzialmente) CTR più alto.

 

Aumentiamo quindi il CPC del 15%, impostando però un tetto all'offerta massima.
Altrimenti il rischio è che l'offerta diventi veramente troppo alta.
Il requisito è un punteggio di qualità uguale o inferiore a 5. Ma non solo. Siccome vogliamo lavorare in assenza di CTR, impostiamo un'ulteriore regola. Cioè, il CTR deve essere più basso del 2%.
Attenzione qui... verrebbero aumentate le offerte anche di chiavi ferme. Quindi definiamo che devono aver maturato almeno una impression.

 

Schermata 2016-06-20 alle 07.22.17.png

Ultimo parametro... effettuare un check rispetto ai dati del giorno precedente e invio di un'email riepilogativa se vengono effettuate modifiche o il comando riscontra errori.

 

Fine dell'Episodio (e della saga)
Siamo partiti da una piccola realtà, implementando strategicamente una configurazione elementare di targeting per raggio, ma considerando tutte le particelle basilari di una campagna, come il punteggio di qualità o le corrispondenze. Per ottenere risultati siamo però dovuti passare da comandi avanzati, come il Customer Match e le automazioni.
AdWords è un mondo complesso. Ogni domanda ha generalmente risposte diverse... questi sono i misteri del suo universo.
Conoscerne le costellazioni indicandole con un dito... è l'alfa e l'omega del successo.

Bio Andrea Testa

Lavoro in ambito web dal 1993 e da sempre mi occupo di indicizzazione e marketing. Dal 2005 affronto l'advertising online e l'indicizzazione con un'ottica prettamente SEM, dedicata cioè al Search Engine Marketing, comprese le sue attuali derivazioni legate ai Social Media. Dal 2012 sono docente di Web Marketing al Corso di Laurea Magistrale in Marketing Consumi e Comunicazione alla IULM di Milano.