143 utenti online in questo momento
143 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Rivoluzione nel targeting della Rete Display. #OKDisplay

mbiagiotti-okdisplay.png

In un articolo di poco tempo fa abbiamo preso in considerazione i metodi i targeting disponibili sulla Rete Display.

 

Nello specifico abbiamo visto come con questo tipo di campagna sia possibile utilizzare metodi di targeting come:

  • Targeting contestuale per parole chiave: consente di utilizzare le parole chiave per abbinare gli annunci ai contenuti web;
  • Argomenti: consente di raggiungere gli utenti in base agli argomenti del posizionamento;
  • Segmenti di pubblico di affinità: consente di selezionare gruppi basati sugli interessi per raggiungere potenziali clienti su larga scala;
  • Segmenti di pubblico di affinità personalizzati: consente di creare segmenti di pubblico maggiormente personalizzati;
  • Segmenti di pubblico in-market: consente di identificare i clienti che ricercano prodotti o servizi con una spiccata propensione all’acquisto;
  • Remarketing: consente di raggiungere gli utenti in base alle loro passate interazioni;
  • Customer match: consente di utilizzare proprie liste di clienti per creare segmenti di pubblico personalizzati;
  • Dati demografici: consente di raggiungere gli utenti in base all'età, al sesso o allo stato parentale;
  • Posizionamento: consente di identificare specifici posizionamenti nei quali mostrare gli annunci.

 

Ma cosa succede se nessun metodo di targeting è impostato?

 

Premesso che non utilizzare proficuamente i sofisticati metodi di targeting messi a disposizione da Adwords risulta alquanto poco intelligente, questa possibilità è adesso prevista.

 

In particolare dico “adesso” perché fino al 18 gennaio 2017 di fatto era impossibile!

 

Fino a questa data, infatti, un gruppo di annunci senza targeting impostato, non consente la pubblicazione degli annunci: sostanzialmente se il target non viene impostato, nessun utente rientra nell’audience e, dunque, l’annuncio non viene mostrato a nessuno ovvero non viene pubblicato.

 

A partire dal 18 di gennaio del 2017, invece, Google ha annunciato un cambiamento radicale di questo concetto ovvero la possibilità di mostrare annunci anche senza aver impostato uno o più metodi di targeting.

 

Ciò significa che se viene creato un gruppo di annunci senza l’impostazione di un criterio di targeting, gli annunci presenti potranno essere mostrati in qualsiasi pagina della Rete Display di Google.

 

Il criterio per il quale nessun utente era considerato target per un gruppo di annunci senza metodo di targeting impostato, viene meno e, se nessun criterio è impostato, significa lasciare a Google la possibilità di mostrare gli annunci del gruppo a chiunque.

 

Al momento del cambiamento di criterio Google automaticamente mette in pausa i gruppi di annunci che non hanno alcun metodo di targeting impostato.

 

Ciò significa che gli inserzionisti che hanno dei gruppi di annunci in stato “Attivo” ma non hanno impostato nessun metodo di targeting non vedranno i loro annunci pubblicati ma, semplicemente, i gruppi di annunci di questo tipo saranno messi in pausa.

 

Con quale criterio Google mostrerà gli annunci dei gruppi di annunci senza metodi di targeting impostato? Sicuramente non “a caso”, come sarebbe facile pensare, soprattutto per campagne di tipo CPC.

 

Infatti, poiché soltanto il clic sull’annuncio genera introiti per Adwords è normale che il sistema tenderà a pubblicare gli annunci in posizionamenti o ad utenti in modo che sia garantita la più alta probabilità di clic e, in questa logica, favorirà la pertinenza tra annuncio, pagina di destinazione, posizionamento e interesse dell’utente.

Bio Marco Biagiotti

Laureato in economia ma ufficiosamente hacker, è socio amministratore di Telemaco, agenzia di marketing in Italia e in Marocco, Top Contributor di Google Ad​W​ords​, formatore e​ autore di libri quali Web Marketing Internazionale, Social Media Advertising e Google ​Data Studio Per Tutti. ​​La potenza di AdWords sia in ottica di pubblicità che di raccolta di informazioni non poteva non sedurlo e coinvolgerlo al punto di aiutare altri che vi si avvicinano.