220 utenti online in questo momento
Non riesci ad accedere al tuo account, vuoi cancellarlo o vuoi cambiare le impostazioni? Chiedi qui!
Guidami
star_border
Rispondere

segnalare/bloccare attività di sviamento della clientela

Matricola ✭

Un marchio competitor utilizza il mio marchio e sitoweb come parola chiave per finire sempre primo in classifica ad una ricerca diretta sviando la clientela e facendo confusione (molti clienti lo contattano pensando che siamo noi), è possibile segnalare a google e bloccare tale attività scorretta?

 

 

2 Risposte degli espertiverified_user

segnalare/bloccare attività di sviamento della clientela

Astri Nascenti

il tuo marchio è registrato?

Se si puoi evitare che si utilizzi il tuo nome negli annunci Google, qui trovi tutta la guida di google per la protezione dei marchi: https://support.google.com/adwordspolicy/answer/2562124?hl=it

segnalare/bloccare attività di sviamento della clientela

Collaboratore Principale

Ciao @gaemede m

ci sono sentenze in merito che hanno creato dei precedenti tuttavia le migliori 2 cose da fare sono:

1) Alza il telefono, chiama il concorrente e proponigli una tregua immediata indicandogli che ti puoi mettere a fare la stessa cosa nei suoi confronti. Il risultato sarebbe che vi "fregate" il traffico a vicenda ottenendo una sorta di ipotetica parità dove l'unico risultato è che state entrambi spendendo soldi inutilmente 

2) Come dice @Antonio L se hai un marchio registrato fai richiesta di protezione. Questo non impedirà al concorrente di utilizzare il tuo brand ed il tuo sito nelle keywords tuttavia gli impedirà di utilizzarlo come testo negli annunci, anche negli annunci dinamici dove c'è il dynamic keyword insertion.

 

Puoi anche dirgli che è una pratica che funziona bene solo in 1 caso su 50 e che la cosa sicura è che sta compromettendo la qualità del suo account con il risultato di avere un Quality Score più basso pagando di più i CPC in generale sulle altre campagne. Per cui a meno che non stia portando a casa Lead o Vendite a CPA per lui in target, è difficile che risulti essere una buona pratica, solo in pochi casi può avere davvero un senso.

Il punto 1) è la prima cosa da fare e la più veloce, di solito i Brand si danno tregua tra di loro e le aziende meno conosciute la concordano per buon senso.

Fammi sapere! 

Riccardo
Performance Marketing Specialist
http://www.performancebased.com