122 utenti online in questo momento
122 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Campagne Gmail vs Customer Match - #TheGooglerPost

 TheGooglerPost.jpg

Buon inizio di settimana e ben ritrovati con un nuovo appuntamento di #TheGooglerPost!

 

Nell’articolo di oggi vi spiegherò brevemente in che modo le campagne Gmail e la funzione di Customer Match si "sovrappongono" le une con le altre . Molto spesso, infatti, il comune riferimento al concetto di email genera dubbi e confusione tanto da usare erroneamente i due termini come sinonimi. Vedremo invece in che cosa consistono entrambi i concetti e, quindi, come si differenziano e qual è il loro punto di incontro.

 

 

Campagne Gmail (o GSP)

 

Le campagne Gmail sono campagne AdWords appositamente create per pubblicare annunci all’interno delle caselle di posta Gmail. In altre parole, si tratta di campagne Display che hanno annunci dall’apposito formato e che utilizzano mail.google.com come posizionamento. Tale posizionamento, requisito di base per il corretto funzionamento della campagna, può essere (e anzi, dovrebbe essere) combinato con altre metodologie di targeting per indirizzare l’annuncio verso un pubblico maggiormente profilato e potenzialmente più interessato al nostro prodotto/servizio. Tuttavia, non tutti i targeting sono per il momento compatibili con le campagne GSP:

Target compatibili: parole chiave, argomenti, interessi e customer match.

Target incompatibili: liste di remarketing, segmenti di pubblico In-market, posizionamenti diversi dalla casella di posta (mail.google.com)



Customer Match

 

Quando parliamo di Customer Match ci riferiamo, invece, alla possibilità di sfruttare una lista di indirizzi email precedentemente creata per mostrare i nostri annunci a un pubblico molto preciso. La mailing list può essere quindi applicata in 3 modi diversi:

 

- In una campagna sulla rete di Ricerca

In questo caso, la lista viene utilizzata come alternativa a una lista di remarketing. Il vantaggio rispetto a una lista "tradizionale" basata sui cookie consiste nella possibilità di mostrare gli annunci a uno stesso utente, a prescindere dal dispositivo usato - PC, smartphone, tablet.

La lista può essere quindi applicata a:

 

a) una campagna di ricerca già esistente, con un aggiustamento dell'offerta sulla lista per aumentare la probabilità che gli utenti appartenente alla mailing list rivedano il nostro annuncio nel momento in cui effettuano una ricerca basata sulle nostre parole chiave. In questo caso, ricordiamoci di selezionare l'opzione "solo offerta" nel momento in cui aggiungiamo la lista come segmento di pubblico nella nostra campagna che continuerà in questo modo a mostrare l'annuncio anche a utenti non appartenenti alla lista (quindi a funzionare anche come "tradizionale" campagna di ricerca basata sulle parole chiave);

 

b) una nuova campagna di ricerca (o un nuovo gruppo di annunci), quando vogliamo mostrare annunci specifici ai nostri contatti email quando effettuano una ricerca. In questo caso imposteremo la lista su "targeting e offerta".

 

c) una nuova campagna di ricerca (o un nuovo gruppo di annunci), quando siamo disposti a fare un'offerta su certe parole chiave solo se vengono ricercate da un utente della nostra lista. Anche in questo caso ricordiamoci di impostare la lista su "targeting e offerta".

 

In tutti e 3 i casi, l'unica condizione necessaria per mostrare gli annunci è che l’utente sia ‘loggato’ nel suo Account Google mentre effettua una ricerca. In particolare, la lista per poter funzionare deve avere almeno 1000 contatti associati a un Google account (e cioè contatti @gmail o indirizzi non @gmail ma associati a un account Google). 

 

 

- Su YouTube, in annunci TrueView

E’ possibile utilizzare una lista di indirizzi email anche su YouTube. Come nel caso precedente, la lista di indirizzi email viene utilizzata come alternativa al remarketing e valgono tutti i requisiti menzionati sopra per poterla utilizzare.

 


- Infine, in una campagna Gmail

La mailing list può essere utilizzata come metodo di targeting per per pubblicare annunci all'interno della casella di posta ed è questo terzo utilizzo che genera spesso confusione. A differenza dei casi precedenti, gli indirizzi utilizzabili sono solo quelli @gmail (non valgono quindi account associati a Google ma privi di indirizzo @gmail), mentre similmente uno dei vantaggi consiste nella possibilità di pubblicare gli annunci agli utenti desiderati a prescindere dal dispositivo utilizzato.

 

 

Vi segnalo infine i seguenti approfondimenti: 

 

Gmail Ads, un ibrido Social - #AdWordsinTesta

- Gmail Ads, la galleria annunci - #AdWordsinTesta

- Customer Match - #CreativityGarden

- Come funziona il Customer Match in AdWords

Consigli pratici sull'utilizzo degli Annunci Gmail - #CreativityGarden

 

 

 

Arrivederci a settimana prossima!

 

 

0 Mi piace
Bio Susanna Garancini

Ciao!