271 utenti online in questo momento
271 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Farsi Furbi. Con le Campagne Smart Display! #OKDisplay

mbiagiotti-okdisplay.png

 

 

L’incidenza del machine learning e dell’intelligenza artificiale o AI (Artificial Intelligence) è sempre più evidente in ogni sistema di Google.

 

AdWords, da buon ricettore di dati quale è, non poteva esimersi da questo aspetto e quindi sta integrando sempre più nuove forme di ottimizzazione automatica o migliorando quelle già presenti come ad esempio le offerte automatiche o smart bidding.

 

Con la Rete Display però questo trend ha preso subito una sostanziale impennata con le campagne display smart o più semplicemente Smart Display.

 

Con oltre 3 milioni di siti e applicazioni mobili, la Rete Display di Google è un raccoglitore quasi sconfinato di contenuti e per gli inserzionisti è sempre più complicato individuare i target, le offerte e i messaggi più performanti.

 

E’ possibile raggiungere con pertinenza e rilevanza gli utenti sempre con maggiore precisione ma aumentando le variabili in campo e la quantità di “spazio” disponibile, l’operazione è tutt’altro che agevole.

 

Gli strumenti di intelligenza artificiale di Google trovano una delle loro massime espressioni proprio nelle campagne Smart Display beneficiando delle preziose informazioni raccolte dall’account AdWords, dalla URL di destinazione e dal comportamento degli utenti.

 

L’inserzionista può pensare a elementi fondamentali della comunicazione come la scelta del messaggio, la creazione delle immagini e, soprattutto, l’esperienza utente nella pagina di destinazione lasciando a Google il compito di ottimizzare al meglio tutti gli elementi inerenti offerte, targeting e posizionamento degli annunci.

 

I primi inserzionisti che hanno avuto l’opportunità di utilizzare questo tipo di campagna hanno registrato mediamente un incremento del 20% delle conversioni mantenendo lo stesso CPA (Costo per Acquisizione).

 

Ecco alcuni esempi (dati da Inside AdWords):

  • Trivago in Europa, Asia e Nord America ha incrementato le conversioni del 36% con lo stesso CPA target;
  • Credit Karma ha incrementato le conversioni del 37% con lo stesso CPA target;
  • Hulu Japan ha ottenuto le stesse performance in Giappone.

 

Come si può notare il miglioramento delle performance non dipende da settore, tipologia di inserzionista e zona geografica.

 

Ma cerchiamo di capire meglio come funzionano queste, relativamente nuove, campagne.

 

Le campagne Smart Display consentono di gestire in modo ottimizzato e automatizzato tutte le principali variabili della pubblicità display combinando tre diverse tecnologie di ottimizzazione:

  1. Targeting;
  2. Offerte;
  3. Annunci.

 

Il targeting viene ottimizzato in modo da consentire di massimizzare la probabilità di raggiungere pubblici che sono più propensi a convertire e quindi che generano più fatturato e migliorano ROAS e ROI.

 

Le offerte sono ottimizzate automaticamente in base al CPA target per essere più aggressive nelle aste che hanno una forte probabilità di generare un clic che converte e più contenute quando questa probabilità è meno elevata.

 

Gli annunci vengono generati automaticamente dagli elementi indicati dall’inserzionista e in particolare titoli, descrizioni, loghi e immagini; gli annunci delle campagne Smart Display sono speciali e si adattano a quasi tutti gli spazi pubblicitari disponibili sulla Rete Display.

 

Nei prossimi articoli cercheremo di approfondire il funzionamento di questa tipologia di campagna per la Rete Display.

 

Bio Marco Biagiotti

Laureato in economia ma ufficiosamente hacker, è socio amministratore di Telemaco, agenzia di marketing in Italia e in Marocco, Top Contributor di Google Ad​W​ords​, formatore e​ autore di libri quali Web Marketing Internazionale, Social Media Advertising e Google ​Data Studio Per Tutti. ​​La potenza di AdWords sia in ottica di pubblicità che di raccolta di informazioni non poteva non sedurlo e coinvolgerlo al punto di aiutare altri che vi si avvicinano.