255 utenti online in questo momento
255 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Google AdWords e online fundraising - #TheGooglerPost

 6ddd44d1-3db6-4483-80bb-30935be92002.jpg

 

Cari lettori, ciao a tutti Smiley Felice

 

Mi presento: sono Jacopo, ho 25 anni e tra le mie precedenti esperienze lavorative ho avuto modo di lavorare con un’organizzazione non profit in India.

Vi domanderete: che cosa c’entra con Google AdWords? Tra poco capirete tutto Smiley Felice

 

Come ben sapete, le organizzazioni non profit sono ormai una realtà ben presente e radicata su tutto il territorio. Svolgono diverse attività e supportano i più svariati obiettivi (per esempio il volontariato, lo sviluppo sociale o la cultura) ma con un modello di business ben distinto. Eppure, come dimostrano i dati di un recente studio effettuato dalla Lloyds Bank UK, non sembrano essere molto al passo con i nostri tempi:

  • circa il 43% delle organizzazioni intervistate ha dichiarato di avere uno staff dedicato alle strategie di comunicazione online;
  • il 58% di esse si è dimostrato essere senza alcuna competenza digitale basilare e
  • soltanto il 68% ha dichiarato di utilizzare strumenti digitali per fare fundraising.

 

Eppure le cose sono cambiate anche per loro. Intendo dire, come tutti voi sapete, le abitudini di tutti sono molto cambiate recentemente. La rivoluzione digitale ha infatti portato sempre più persone ad affacciarsi al mondo del web, la penetrazione dei telefoni smartphone è ormai inarrestabile e sempre più attività (nonché transazioni) avvengono ormai online. Tra queste, in particolare, figura anche il fenomeno - a mio parere molto interessante - del crowdfunding. Quel fenomeno che ha permesso a sempre più utenti di poter partecipare in maniera attiva e concreta ad un progetto appassionante. E’ ormai uno dei trend più consolidati del fundraising online, esistono più di 450 piattaforme (tra queste Indiegogo, Kickstarter e Fundable) ed ha visto incrementare il suo valore totale del 112% solamente nell’ultimo anno (34.4 miliardi di dollari) (Massolution’s 2015CF Industry Report).

 

Che le cose siano cambiate è quindi evidente. Ma allora, perché ancora cosi poche organizzazioni non profit sfruttano tutto il potenziale online? Soprattutto di fronte all’evidenza che, nel 2013, i volumi delle donazioni online è cresciuto del ben 13,5% (contro una cresciuta inferiore del 4,9% per le donazioni “offline”).

 

La mancanza di risorse (sia umane che capitali) è sicuramente uno dei fattori più importanti. E qui entra in gioco Google AdWords. Quanti, infatti, di voi conoscevano l’esistenza di un programma quale Google AdGrants? Google Ad Grants è infatti la versione non profit di AdWords che offre 10.000$ di pubblicità AdWords gratuita al mese a tutte quelle organizzazioni riconosciute legalmente come “enti di beneficenza”. In particolare, per poter partecipare al programma, i sopraddetti enti di beneficenza devono:

  • accettare le certificazioni richieste nella domanda di partecipazione relative ad imparzialità e utilizzo delle donazioni.
  • avere contenuti del sito pertinenti alla loro attività non profit.

Per poter restare nel programma AdGrants, gli account dovranno poi:

  • utilizzare solamente un dominio per tutti gli annunci, che sia quello approvato del sito web dell'organizzazione non profit.
  • gestire attivamente l'account mensilmente, effettuando almeno una modifica ogni 90 giorni.
  • restare fedeli alla missione dell'organizzazione non profit approvata (e quindi utilizzare parole chiave pertinenti).
  • non potranno promuovere attività commerciali a fini di lucro o prodotti finanziari.
  • non potranno partecipare a Google AdSense o altri servizi pubblicitari affiliati.

I dettagli del programma li trovate direttamente qui.

 

D’accordo. Ma poi, una volta creato un profilo Google AdGrants, quali sono i migliori consigli per farlo funzionare al meglio? Sicuramente questi tre:

 

  • Monitorare le conversioni: sotto questo punto di vista c’è gran poca differenza tra un’organizzazione non profit e una scopo di lucro. Entrambe infatti sono interessate alle conversioni. Si tratta, in pratica, di riuscire a monitorare con esattezza le donazioni, per poter poi andare a spendere al meglio le risorse investite nella campagna. Google Analytics è il miglior alleato in questo campo.

  • Conoscere i tuoi sostenitori: qualsiasi campagna, infatti, per essere efficace deve essere ben focalizzata sul giusto target. Anche in questo, Google Analytics ci aiuta al meglio a capire chi sono i nostri sostenitori, dove si trovano e come interagiscono con noi.

  • Creare annunci efficaci e concreti: si tratta di creare annunci con un chiaro messaggio di intenti che spinga il lettore a prendere parte ad un progetto e sostenerlo attraverso una donazione. L’annuncio deve rimandare ad una pagina di atterraggio che permetta la donazione immediata per quel progetto. Avere diversi annunci che rimandino ai diversi progetti si è dimostrato essere più efficace. Infatti, secondo uno studio di Network for Good, avere diverse pagine di raccolta fondi per ciascun progetto fa aumentare del 600% i volumi delle donazioni.

 

E adesso, se ti stai chiedendo quale siano i giorni dell’anno in cui tutti si sentono decisamente più buoni...sappi che le statistiche (2013 Charitable Giving Report, Network for Good) dicono che stanno per arrivare!

Più del 30% di tutte le donazioni online infatti avviene a Dicembre.

 

A presto Smiley Felice

Jacopo

Commenti
da JVB Astri Nascenti
in data ‎20-11-2015 20:08

Ciao Jacopo, molto interessante, grazie della condivisione. Ho girato l'articolo ad un'Associazione no profit con cui sto collaborando. Al momento siamo ancora nelle primissime fasi del progetto. Cmq sia in caso di bisogno ti farò qualche altra domanda ok? :-) Grazie ancora.

 

Vincenzo

da Jacopo B Googler
in data ‎23-11-2015 09:29

Ciao Vincenzo Smiley Felice

 

Mi fa molto piacere il tuo commento. Certamente, se avessi dei dubbi non esitare a scriverci Smiley Felice

 

Buon inizio di settimana.

A presto.

 

Jacopo