231 utenti online in questo momento
231 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

#GoogleMobileIT - Gli strumenti Google per emergere nel mondo mobile

Definire una strategia mobile

 

L’obiettivo principale di questo HOA è presentare una serie di utili strumenti Google, accessibili universalmente, per emergere e possibilmente avere successo in un mondo, che è quello dell’online advertising, che sta diventando sempre più mobile centrico. In prima istanza però, l’utilizzo di tutti questi strumenti è bene innanzitutto inquadrarlo e definirlo all’interno di un più ampio piano d’azione finalizzato al raggiungimento di un obiettivo di business.

 

 

Scarica le Slides

 

Se è vero infatti che la definizione di un piano di marketing ormai non possa più prescindere dal considerare il mobile alla pari degli altri canali di interazione tradizionali, è ugualmente vero che diventa fondamentale assegnare una precisa collocazione strategica a questa nuova e distinguibile interfaccia.

 

A seconda del settore di appartenenza, delle dinamiche competitive e del target di utenti di riferimento infatti, ogni business può sfruttare diversamente le caratteristiche distintive proprie del canale mobile per raggiungere i propri obiettivi. Si pensi a titolo di esempio ad un negozio di abbigliamento con l’obiettivo di aumentare le visite in store, piuttosto che ad un libero professionista con l’obiettivo incrementare le chiamate da parte di utenti interessati ai propri servizi o ancora ad un business B2B in cerca di potenziali lead.

 

Ognuno di essi impronterà una diversa strategia mobile: il primo si assicurerà di porre l’attenzione dell’utente sull’estensioni di località dei suoi annunci cercando di misurare e massimizzare i click su di esse, il secondo creerà degli annunci di sola chiamata ottimizzandone il posizionamento, mentre il terzo cercherà di reindirizzare l’utente su un form da compilare con funzionalità ottimizzate per dispositivo mobile.

 

La creazione e il consolidamento di una strategia mobile passa quindi innanzitutto per la definizione di un obiettivo specifico, misurabile, attribuibile a questo canale e in secondo luogo dalla scelta degli strumenti che ne semplificano il raggiungimento.

 

Alla base di una strategia mobile di successo ci sono però essenzialmente tre fattori che ne costituiscono anche il fondamento: una customer experience memorabile, promozioni rilevanti e contestualizzati, e una misurazione granulare dei risultati. Gli strumenti che andremo insieme ad analizzare sono prevalentemente incentrati alla definizione dei primi due di questi fattori.

 

tools.jpg

 

Guida ai mobile sites: tips and tools

 

Una mobile customer experience che sia all’altezza delle attese di una clientela ormai altamente digitalizzata e sempre più esigente pone a sua volta le basi sulla creazione e l’efficace utilizzo di un sito cosiddetto mobile-friendly, ossia con un design, contenuti e funzionalità ottimizzate per i dispositivi mobili. Di fatto decidere di ottimizzare il proprio sito web per i dispositivi mobili sta diventando una scelta ormai obbligata. Dati e ricerche a riguardo parlano da sé: ad inizio 2016 la metà delle ricerche sul web avviene tramite dispositivo mobile, siti web ottimizzati per mobile presentano un tasso di fidelizzazione della clientela e di conversione più elevati e gran parte dei nuovi utenti per un attività sul web proviene proprio da mobile. Ne consegue una centralità del ruolo che un sito ottimizzato per i dispositivi mobili assume sulla scacchiera del marketing digitale. A tal proposito i primi tre strumenti che prenderemo in considerazione costituiscono un supporto fondamentale a una strategia di ottimizzazione di un sito web per dispositivi mobili.

 

Mobile friendly-test

Questo utile strumento presente all’interno del sito webmaster tool di Google rappresenta il punto di partenza nella definizione di una strategia di ottimizzazione di un sito mobile. Inserendo infatti l’URL di qualunque sito il sistema ne analizzerà il grado di ottimizzazione rilasciando infine un giudizio dicotomico, positivo o negativo, sullo status attuale della versione mobile del sito. L’aspetto più interessante, a tal riguardo, è costituita dal fatto che in caso di giudizio negativo non solo possiamo capire quali sono le aree di potenziale miglioramento, ma avremo anche la possibilità di essere direttamente reindirizzati a quelle risorse che ci permettono un’implementazione diretta dei consigli di ottimizzazione.

 

25 Principles of mobile-friendly sites

A complemento del mobile friendly test, sulla base di un’estensiva ricerca sull’analisi del comportamenti degli utenti sui dispositivi mobili, è stata poi sviluppata un’utile guida sui principi di design desiderabili per un sito mobile. Questi 25 principi infatti sono risultati determinanti nell’influenzare positivamente e in maniera diretta il grado di soddisfazione dell’esperienza degli utenti sui siti mobile. Ogni principio è corredato da un esempio concreto di facile comprensione, utile per una diretta implementazione.

 

Pagespeed Test         

In ultimo a completamento della strategia di ottimizzazione per dispositivi mobili il pagespeed test ci permette di valutare la velocità di caricamento del nostro sito mobile. Questo perché un’eventuale attesa eccessiva da parte dell’utente nel caricamento di una pagina web ha un impatto fortemente negativo sia nell’immediato sotto forma di una riduzione del tasso di conversione, sia nel lungo termine sotto forma di una percezione negativa del brand. A tal proposito, il pagespeed test risulta determinante nella definizione della aree di miglioramento segnalate nell’apposita sezione sottostante una volta inserito l’URL del sito da analizzare.

 

 

Comportamenti d’acquisto mobile: un’analisi di contesto

 

Una volta valutato lo status di ottimizzazione del sito mobile ed effettuate le necessarie migliorie, è il momento di cominciare a pensare ad un’analisi di contesto più ampia che tenga in considerazione il settore di appartenenza, le dinamiche competitive e soprattutto la tipologia di clientela a cui ci si rivolge. Ad essa infatti sarà indirizzato il messaggio della nostra campagna pubblicitaria ed è per questo di primaria importanza conoscerne il profilo e il comportamento d’acquisto sul web. A tal proposito due sono gli strumenti che ci tornano utili a questo scopo.

 

Consumer barometer

Il primo di questi due strumenti, il consumer barometer, altro non è che una piattaforma web che ci permette di eseguire ricerche di mercato in tempo reale sfruttando un archivio di dati raccolti e organizzati per paese e per categorie merceologiche. Le domande a cui possiamo rispondere consultando questo pratico strumento sono innumerevoli, dal più semplice quesito per sapere quante persone possiedono uno smartphone, alle più specifiche e dettagliate mirate a capire per esempio in quale tipologia siti web gli utenti effettuano i loro acquisti per una determinata categorie di prodotti.

 

 

Mobile in the purchase journey

Il secondo strumento è invece incentrato unicamente sull’analisi del comportamento e delle dinamiche di acquisto degli utenti da dispositivi mobili. In tal senso questo ci permette di approfondire e validare l’efficacia di diverse strategie di comunicazione anche qui filtrando i risultati per paese e settore di appartenenza.

 

Dentro AdWords: verso un campagna mobile-centric

In ultimo, dopo aver preso in analisi l’ottimizzazione del sito mobile e il comportamento degli utenti è arrivato il momento mettere a frutto tutte le informazioni raccolte all’interno del nostro account AdWords. A tal fine 5 funzioni in particolare possono tornarci molto utili:

 

  • Strumento di pianificazione delle parole chiave (presente all’interno del menu strumenti): questa funzione permette infatti di valutare il peso delle ricerche da dispositivi mobili per parola chiave
  • Formato e creatività ad hoc degli annunci: l’ideale è creare sempre una versione dell’annuncio in formato mobile e utilizzando titolo e descrizione appropriati per uno spazio ridotto.
  • Utilizza le estensioni annuncio di chiamata, località, sitelinks e app: migliorano visibilità, punteggio di qualità dell’annuncio e di conseguenza il posizionamento, aspetto quanto mai primario per una campagna mobile-friendly.
  • Crea una campagna con annunci di sola chiamata: questo tipo di annunci permette infatti di massimizzare il ritorno dell’investimento per quegli inserzionisti sprovvisti di sito ottimizzato per il mobile
  • Utilizza l’aggiustamento delle offerte per i dispositivi mobili: utilizzalo per migliorare il tuo posizionamento dato che la stragrande maggioranze del traffico su mobile è generato dagli annunci che appaiono nelle prime due posizioni.