212 utenti online in questo momento
212 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

I rapporti sugli interessi e come utilizzarli in AdWords

Rapporti Interessi

 

I rapporti su dati demografici e sugli interessi di Google Analytics forniscono informazioni sull'età e sul sesso degli utenti nonché sugli interessi che gli utenti, attraverso le loro navigazioni online, dimostrano di avere.

 

Le dimensioni disponibili in questi rapporti sono le seguenti:

  • Età: gli utenti sono segmentati in sei categorie di intervalli di età;
  • Sesso: gli utenti sono identificati come maschio o femmina;
  • Categorie di affinità: gli utenti sono segmentati in termini di stile di vita con un criterio analogo ai segmenti di pubblico televisivo;
  • Segmenti in-market: gli utenti sono determinati sulla base di un manifestato interesse all'acquisto di un prodotto;
  • Altre categorie: gli utenti sono determinati sulla base di elementi più specifici e mirati (si tratta di un livello di dettaglio superiore rispetto alle Categorie di affinità.

 

Attraverso l’uso di queste dimensioni è possibile visualizzare rapporti specifici, segmentare per l’analisi dei risultati, creare segmenti di pubblico per il remarketing e trarre spunto per configurazione del targeting per campagne AdWords per la Rete Display di Google.

 

Vale la pena osserevare, ai fini del rispetto delle normative sulla privacy, che i dati presenti in questi rapporti non vengono raccolti dai javascript di Google Analytics (analytics.js o ga.js) ma bensì da cookie DoubleClick di terze parti (per il traffico web) e da identificativi anonimi per le app per dispositivi mobili.

 

Per questo motivo, prima di poter visualizzare le dimensioni Dati demografici e Interessi in Analytics è necessario attivare le funzioni pubblicitarie nella proprietà e accedere ai rapporti “Dati Demografici e Interessi” per la vista in oggetto.

 

201605.png

 

Una volta attivata la raccolta delle informazioni nella proprietà è necessario lasciare il tempo necessario al sistema per raccogliere i dati che saranno poi visibili nei report dedicati.

 

201605-02.png

 

Chiaramente la raccolta dei dati può differire da paese a paese e da area geografica ad aerea geografica per cui alcune categorie o segmenti potrebbero non risultare completi.

 

Per l’utilizzo di queste informazioni al fine di calibrare campagne AdWords sulla Rete Display di Google sono utili entrambi i rapporti con una chiara maggiore propensione per quello relativo agli Interessi.

 

201605-03.png

 

Google Analytics utilizza età, sesso e categorie di interessi identici a quelli utilizzati in AdWords per il targeting degli annunci sulla Rete Display di Google in modo da renderne la lettura, l’integrazione e l’interpretazione molto più semplici e immediate.

 

Questa corrispondenza delle nomenclature permette dunque agli inserzionisti di analizzare i dati in Analytics e di mettere a frutto i risultati di tali analisi direttamente in AdWords senza necessità di trasformazioni o di elaborazioni aggiuntive.

 

In questo modo è possibile analizzare come variano i comportamenti all’interno delle pagine del sito o della app mobile in base ai diversi segmenti di utenza e stabilire quali potrebbero essere i target più interessanti verso i quali destinare campagne pubblicitarie sulla Rete Display di Google.

 

Conoscere e comprendere le motivazioni dei propri clienti è il perno sul quale implementare le campagne pubblicitarie online e offline e qualsiasi altra forma di marketing e, gli strumenti in oggetto, consentono di identificare in modo chiaro le differenze comportamentali che caratterizzano il target.

 

Grazie a questa potenzialità è dunque relativamente semplice costruire le cosiddette “Buyer Personas”, ovvero personaggi fittizi che racchiudono le principali caratteristiche dei visitatori per non il “cliente tipo” ma tutti i “tipi di cliente”.

 

Al termine di questo processo di identificazione sarà dunque più semplice strutturare delle campagne AdWords per la Rete Display che sulla base della massima pertinenza, rilevanza e coerenza tra target, messaggio, creatività e landing page potranno ottimizzare il ritorno sull’investimento.

 

Ad esempio potrebbe essere possibile rilevare che il tasso di conversione delle donne tra 25-34 anni appartenenti al segmento “TV Lovers” è molto alto e che dunque potrebbe essere opportuno creare un gruppo di annunci specifico per questa “Buyer Persona” o addirittura creare una nuova campagna dedicata per beneficiare della possibilità di gestire i budget in modo flessibile.

 

Se al momento dell’analisi fossero già attive delle campagne di AdWords con targeting per Interesse, determinate categorie potrebbero avere una quantità di sessioni più elevata di altre per cui, prima di procedere all’analisi, potrebbe essere opportuno segmentare il report escludendo il traffico a pagamento.

 

Questa esclusione è particolarmente utile quando si vogliono identificare dei nuovi target mentre è del tutto irrilevante quando l’oggetto principale di analisi è il tasso di conversione.

 

Bio Marco Biagiotti

Laureato in economia ma ufficiosamente hacker, è socio amministratore di Telemaco, agenzia di marketing in Italia e in Marocco, Top Contributor di Google Ad​W​ords​, formatore e​ autore di libri quali Web Marketing Internazionale, Social Media Advertising e Google ​Data Studio Per Tutti. ​​La potenza di AdWords sia in ottica di pubblicità che di raccolta di informazioni non poteva non sedurlo e coinvolgerlo al punto di aiutare altri che vi si avvicinano.