429 utenti online in questo momento
429 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

L'impatto del Mobile nei diversi settori - #GoogleMobileIT

Sommario
Misurare l'impatto della navigazione mobile è spesso estremamente complesso. Si tende a definire una serie di indicatori, scoprendo poi che su molti vertical, tali indicatori cambiano radicalmente da device a device.

Non solo conversioni
Questo ci porta a pensare che uno smartphone, magari, per determinati settori, non serva e non porti mai a conversioni.
Questo è per certi aspetti vero, anche perché la situazione attuale dei siti web, non sempre è così mobile friendly come l'utente si aspetterebbe. Ma non solo, per chi usa il telefono in mobilità, è spesso il terrore di perdere la linea nel momento clou, che determina la propensione di convertire in un secondo momento (magari da device diverso).

Tale attività si concretizza in modo più pronunciato, quando per esempio si usa un'app, o quando il percorso di acquisto è veloce. Basta pensare a quanto facilmente si converte su sistemi come quello di Booking o di Amazon. Anche perché di questi "store" ci fidiamo.

Il percorso di acquisto mobile
Il problema al quale andiamo incontro, è che ogni device può servire e seguirci all'interno dello stesso percorso di acquisto, ma senza che il sistema capisca che dello stesso utente si tratta.
Eppure mediamente un possessore di smartphone lo usa anche 150 volte al giorno. Come sveglia, come torcia, per vedere le previsioni del tempo, ma anche e naturalmente per effettuare un acquisto! Sia che esso si manifesti direttamente su smartphone, sia che esso si concretizzi poi offline o su un device diverso.

 

150volte.png

Ben il 90% degli utilizzatori di uno smartphone lo usa nelle fasi di pre-shopping e ben il 33% lo usa per avere informazioni invece di chiederle direttamente ad altri (commessi compressi).

 

90.png


In un contesto del genere, vale a dire nella sfera informativa, dotare la propria impalcatura web di un presidio totale è fondamentale. In questo senso, strumenti come Google MyBusiness, abbinati anche ad AdWords, diventano formidabili.
Possiamo dire dove siamo, quando siamo aperti e a che ora ci possono venire a triovare.
Questo ci fa prendere clienti. Non perderli.
Se siamo chiusi, meglio dirlo, che far arrivare il cliente davanti al negozio, per poi non trovarlo aperto!

 

84.png

 

Guarda il mio HOA

 

Scarica le Slides


Conclusioni
Sinteticamente potremmo dire che per ogni attività, il telefono offre una sua risposta e un suo supporto.
Può essere utile in varie fasi del funnel, cosa che vedremo nelle slide, ma è di grande supporto anche nella generazione di quella sete di informazioni che più di ogni altro device, deve inserirlo gioco forza come assist-device anche allo store fisico.

Bio Andrea Testa

Lavoro in ambito web dal 1993 e da sempre mi occupo di indicizzazione e marketing. Dal 2005 affronto l'advertising online e l'indicizzazione con un'ottica prettamente SEM, dedicata cioè al Search Engine Marketing, comprese le sue attuali derivazioni legate ai Social Media. Dal 2012 sono docente di Web Marketing al Corso di Laurea Magistrale in Marketing Consumi e Comunicazione alla IULM di Milano.

Commenti
da Antonio Tresca Community Manager
in data ‎04-02-2016 18:11

Grazie Andrea, molto interessante!

da Luna M Astri Nascenti
in data ‎05-02-2016 09:48

Buongiorno Andrea 

in primo luogo voglio farti i complimenti per la tua professionalità e competenza, sei davvero un punto di riferimento importante nel mondo adwords e non solo! Smiley Felice

Detta queta doverosa premessa, vorrei farti una domanda circa le slides che ho letto poichè non sono potuta essere presente! Smiley Felice

Mi chiedevo, quando parli di utenti che anche dentro gli store cercano informazioni online per l'acquisto di prodotti, mi fai pensare a negozi sempre più tecnologici..

per esempio con i beacon, etc, 

sapresti fare una previsione di come si evolveranno poi le campagne adv con questo novo scenario? Gli acquisti online prenderanno più piede o grazie alle nuove tecnologie negli store si riscontrerà un aumento delle vendite in maniera "tradizionale"?

Grazie mille 

Luna

da Andrea Testa Collaboratore Principale
in data ‎05-02-2016 10:46

Grazie Luna,

molto gentile. La tua domanda è interessante, ma temo che corrisponda alle classiche casistiche del "dipende". In primo luogo proprio dal vertical.

In realtà l'oggetto di quella statistica, prende in esame l'eventuale fuga dallo store, se il prezzo è più basso in altri. L'acquisto offline si concretizza nel punto vendita se le informazioni recuperate da smartphone sono idonee alle aspettative e se in effetti subentrano:

a) prezzo concorrenziale

b) fretta (compulsione) nell'acquisto

 

Per attingere a questi dati statistici che mi chiedi, consiglio vivamente di dare un occhio qui:

https://www.consumerbarometer.com/en/

dove potrai trovare (intrecciandoli) tutti i dati che ti servono.

 

Una risposta secca? Comunque si. Il futuro potrebbe comunque aiutare le transazioni in negozio.

Guarda anche qui:

https://www.thinkwithgoogle.com/articles/speed-is-key-optimize-your-mobile-experience.html

dove si parla - in parte - dell'impatto della corretta localizzazione, proprio per veicolare acquisti "nei paraggi".

 

Andrea

 

da Luna M Astri Nascenti
in data ‎05-02-2016 11:59

grazie mille per la precisa e puntuale risposta.

Luna