484 utenti online in questo momento
484 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

La corrispondenza quasi esatta e quasi a frase... in una campagna quasi perfetta

Sommario



Appena prima dell’estate sono state introdotte due nuovi tipi di corrispondenza. La Corrispondenza quasi esatta e la corrispondenza quasi a frase.
Un bel risparmio di tempo... ma ai fini dei risultati?


Cosa sono le corrispondenze “Quasi Esatte” e “Quasi a Frase”



Tutti noi ci siamo imbattuti almeno una volta in una query “a corrispondenza quasi”.

Nella pratica, se lasciamo l’opzione predefinita,  gli annunci potranno essere pubblicati anche se la query digitata dall’utente è una variante (più o meno simile) della nostra parola chiave esatta o a frase.



Lasciando l’opzione “includi le varianti”, il risultato che vedremo nei Termini di Ricerca è simile a quello riportato:



Ma le Corrispondenze “Quasi” Funzionano?



Per saperlo, basta scaricare il rapporto sui termini di ricerca e creare una tabella Pivot (+1 a Riccardo Mares che me le ha insegnate).

Il risultato è nella figura.


(cliccando sul + si vedrà il dettaglio per query)

Di primo acchito direi che si: le corrispondenze “quasi” funzionano. Addirittura meglio delle corrispondenze esatte!

Ma c’è qualcosa che non mi convince: è possibile che ci siano così tante varianti della mia parola chiave esatta e che tutte convertano?

Avevo fatto largo uso di corrispondenze inverse, e la scelta del set di parole chiave era stato studiato nel dettaglio.

Se esplodessi la corrispondenza esatta (variante simile) scoprirei cosa sta succedendo.



[Sono tutti misspelling]

Scopro che le varianti simili sono tutte parole chiave coda lunga che portano ognuna uno o pochi clic, altrettanto scarse impressioni, e a volte (raramente) convertono, altre (più spesso) no.

Ma c’è una parola chiave che salta all’occhio: quella che da sola porta più del 90% dei clic e più del 95% delle conversioni (per il tipo di corrispondenza).

Cosa fare adesso?



Aver incluso le varianti, mi ha permesso di rintracciare un misspelling che avevo banalmente dimenticato e che altrimenti non avrei mai trovato... e avrei perso 72 conversioni (che in questo caso sono transazioni con un valore medio dell’ordine di € 180,00).


Solo a questo punto, dopo aver accumulato dati, posso inserire la parola chiave “quasi” nel set di parole chiave ufficiali, e optare per la non inclusione.

Bio Rossella Cenini

Un pò Psicologa un pò Sem... e la differenza fra i due non è così grande! Obiettivo: Capire gli utenti per farli convertire di più. E per chi come me si occupa prevalentemente di e-commerce è una bella sfida! ...E a me piace vincere.