225 utenti online in questo momento
225 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

La sciarada della località target su AdWords

adwords-in-testa.png

 

Sommario
Le impostazioni di località sono tra le configurazioni meno comprese. Oggetto di domande dell'esame di base, rappresentano un cruccio, una sciarada, che però nasconde una semplice spiegazione.

 

Un esempio tipico
Per affrontare questo argomento, spinoso - talvolta - solo perché lo si vuole rendere tale, produrrò un esempio che mi capita molto spesso di affrontare, soprattutto a lezione, ma che recentemente si è presentato spesso ereditando una configurazione apparentemente strampalata su vecchie campagne ricerca.

 

Intanto non vi fate confondere dalle corrispondenze delle parole chiave. Entreremmo in un ginepraio dal quale difficilmente possiamo uscire.
Immaginate che per questioni puramente accademiche, il nostro scopo sia quello di gestire in modo diverso, le ricerche che su una specifica località, vengono fatte per un'altra località.

 

Nel nostro esempio, supponiamo di voler gestire in modo diverso, questa stessa chiave di ricerca a corrispondenza esatta: [appartamenti torino].

Il nostro obiettivo è di renderla visibile sia da chi cerca da Torino, che da chi cerca fuori Torino.

 

Voglio comprare casa a Torino, ma vivo a?
Ora, immaginando di essere un'agenzia immobiliare che opera in diverse località, o meglio ancora una catena immobiliare, possiamo immaginare che questa voglia presidiare in modo pragmatico, tutte le località nelle quali ha una sede.

 

Quindi immaginiamo che attivi (nel nostro caso puramente esemplificativo), 3 campagne, ognuna per la località nella quale ha una sede.
Le nostre località sono dunque la già citata Torino, poi Roma e infine Livorno.

 

Se vogliamo parlare in modo dedicato e specifico ai nostri potenziali clienti, dobbiamo partire dal presupposto che l'annuncio e le relative estensioni dedicate all'abitante di Torino e che cerca Torino, siano chiaramente più descrittive dei luoghi o dei punti di riferimento che l'abitante conosce.

 

Pensate ai callout... potrebbero parlare anche in gergo, o dialetto!
Prendiamo Livorno... il callout potrebbe dire "vicinanze Voltone" invece che "vicinanze piazza della Repubblica". Potrebbe esaltare Ardenza, come quartiere conosciuto, o una via in particolare, per determinare il centro della città. Una scuola, un ristorante o quant'altro localizzabile in un'area identificativa per chi conosce la zona.

 

Sei foresto?
Ma il discorso cambia per chi viene da fuori. Questi dovrà leggere "zona residenziale" o "in centro"... o "vicinanze mare".
Insomma... l'annuncio e le estensioni, parleranno in due modi diversi a seconda di dove si trova l'utente.

In un contesto del genere, quale sarà l'impostazione di targeting di località?


Nella campagna Torino per i Torinesi avremo "Persone nella mia località target".
Nella campagna Torino per i "fuori Torino", avremo invece "Utenti che si trovano nella mia località target, eseguono ricerche su di essa o mostrano interesse per tale località" oppure "Utenti che eseguono ricerche sulla mia località target o mostrano interesse per essa".

Poi si dovranno usare le parole chiave relative alla località.
Quindi, anche se il mio target di località sarà fuori Torino, tra le chiavi, Torino, dovrà sicuramente essere presente, per evitare che gli utenti cerchino anche in località estranee.

 

Aggiustamento offerta
Un'altra raccomandazione, non banale. Nel caso in cui sia l'intento a comandare, resta inteso che anche i torinesi, potranno partecipare alle ricerche.
In questo contesto, inserite la località Torino e abbassate l'offerta del -90%.
In questo modo, comanderà comunque la campagna "in target" sulla specifica località.

Insomma... raccontata così sembra una sciarada. In realtà è il rompicapo geografico, meno complesso di tutta l'interfaccia AdWords!

Bio Andrea Testa

Lavoro in ambito web dal 1993 e da sempre mi occupo di indicizzazione e marketing. Dal 2005 affronto l'advertising online e l'indicizzazione con un'ottica prettamente SEM, dedicata cioè al Search Engine Marketing, comprese le sue attuali derivazioni legate ai Social Media. Dal 2012 sono docente di Web Marketing al Corso di Laurea Magistrale in Marketing Consumi e Comunicazione alla IULM di Milano.