476 utenti online in questo momento
476 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Le Campagne display ed i Publisher

Sommario



Nella mia esperienza con le campagne della rete display, ho sempre tratto vantaggio nel conoscere anche il punto di vista dei publisher e cosa sia possibile fare “dall’altro lato”. Noi inserzionisti siamo disposti a spendere denaro nelle campagne display sui siti dei publisher, ma non sempre il publisher è disposto a farci pubblicità pur guadagnando il 68% della nostra spesa nelle campagne sui contenuti ed il 51% nella ricerca.

Capiamo il perchè e come comportarci.

 

 

In quale modo i publisher ci possono bloccare e come evitarlo?



Come un inserzionista può veicolare i suoi annunci sulla rete display, così il publisher può impedire ad un inserzionista (ad un solo suo annuncio o addirittura all’intero suo account) di pubblicare i propri annunci sul suo sito. Possono essere bloccati tutti gli annunci con la landing page in un certo dominio, quelli per una certa categoria di appartenenza, o disinibire gli annunci basati sugli interessi in modo generale per tutti gli insezionisti.

 

 

Da sapere.



Tra i vari tipi di targeting della rete display, quello per parole chiave, è uno di quelli che ci permette di comparire in modo più frequente e vario su una moltitudine di siti della rete, mentre utilizzando il posizionamento gestito, abbiamo più controllo sui siti dove verranno visualizzati i nostri annunci perchè siamo proprio noi a sceglierli. I publisher sono “golosi” di inserzionisti in quanto più inserzionisti a posizionamento ci sono in un sito, più l’offerta si alza e quindi più guadagnano, ma dobbiamo essere coscienti del fatto che i nostri annunci possono non piacere ai publisher che hanno la possibilità di non accettare la nostra richiesta. Generalmente più il sito del publisher è piccolo, più è facile che vengano accettati tutti gli inserzionisti, mentre più il sito è grosso più è facile che ci sia qualche blocco.

 

Opzioni di blocco AdSense

Per quanto riguarda il targeting per posizionamento è il publisher che decide in quali delle sue unità pubblicitarie è possibile che l’inserzionista inserisca i suoi annunci. Se ad esempio in una pagina sono presenti 3 gruppi di annunci (massimo consentito dal regolamento) può decidere che solo in uno di questi possono comparire i posizionamenti degli inserzionisti. Se a noi inserzionisti interessa comparire in una particolare posizione come possiamo sapere se è possibile? Nel momento in cui ricerchiamo da AdWords il sito per un posizionamento, troveremo la descrizione delle unità pubblicitarie disponibili. Questa descrizione è inserita direttamente dal publisher che ci farà capire a quale posizione si riferisce.

 

 

Perchè a volte passa diverso tempo prima di essere visualizzati o non veniamo visualizzati affatto?



Come noi inserzionisti non vogliamo comparire in tutti i siti dei publisher per nostre svariate ragioni, anche i publisher possono non voler determinati inserzionisti nel proprio sito, esiste quindi la possibilità di tenere in sospeso per 24H un annuncio prima di pubblicarlo. In questo tempo il publisher può visionare l’annuncio (o gli annunci), verificare la landing page e quindi accettare o meno il singolo annuncio, tutti gli annunci dell’inserzionista o l’intero account

 

Centro verifica annunci AdSense

 

Una domanda che è facile porsi è: “ma se voglio comparire a tutti i costi in un sito, devo impostare un CPC elevato in modo che il publisher sia più ingolosito dalla mia offerta?” No, non è necessario, in quanto il publisher non può sapere in nessun modo quanto è il CPC max dell’inserzionista e nemmeno quanto i vari click eventualmente fatti sull’annuncio possono valere, infatti i rapporti dei publisher visualizzano i valori dei click ma mai in rapporto al nome o al sito dell’inserzionista. Ricordiamoci che anche sui siti della rete display c’è un’asta ad ogni visualizzazione annuncio per decidere quale annunci pubblicare e quindi il CPC max impostato può comunque fare la differenza.

 

Bio Mauro Gadotti

Lavoro come programmatore dal 1992. Sono specializzato nelle tecniche di SEO e SEM e la mia prima campagna AdWords risale al 9 maggio 2005 e dal 2010 sono un Top Contributor del forum google di AdWords. Sono anche un esperto AdSense di cui gestisco Account dal 2004