302 utenti online in questo momento
302 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Migliorare il CTR sulla rete Display - parte 1: Gli Argomenti

Sommario


 

Grazie a molte nuove funzioni, ho iniziato ad usare la rete display non solo come un ottimo strumento per il Brand Awareness del cliente, ma anche per ottenere un elevato numero di clic a costo spesso irrisorio rispetto alla rete ricerca. La profilatura, la scelta cioè di target specifici, è oggi una chiave di successo di molte mie campagne e parte tutto dall'aumento del CTR

 

 

Obiettivo: alzare il CTR


 

Abbiamo detto che l'obiettivo primario è aumentare il CTR. Il CTR di fatto sancisce non solo un vettore in clic mediamente più elevato, ma trasmette - tastando il polso della situazione - anche l'efficacia del nostro annuncio rispetto a quello dei competitor. Di fatto vogliamo valutare in che modo un annuncio dedicato ad un settore specifico, sia di fatto appetibile per il pubblico dello stesso settore.

Ho un portale che vende auto usate? Potrei scegliere di mostrarlo su tutti i siti della rete che abbiano voglia di ospitarlo, potrei scegliere i siti sui quali farlo visualizzare... o potrei semplicemente appellarmi ad uno specifico argomento, destinando a Google la possibilità di individuare per me i siti più idonei per la sua pubblicazione.

Di fatto, andrò a scegliere i miei argomenti.

 

 

La scelta degli Argomenti


 

Quando si scelgono gli argomenti bisogna tener presente che abbiamo svariati ventagli di possibilità. Incrociarli cioè con altri insiemi tematici, oppure abbinando delle parole chiave specifiche.

Nel mio caso posso dire che non esiste una formula alchemica perfetta, ma per semplicità e senza dimenticare la nostra volontà di aumentare il CTR, la cosa migliore da fare, è quella di non impostare delle parole chiave.

 

Diremo al sistema di usare un targeting a copertura generica (vedi sotto) lavorando esclusivamente su argomenti e posizionamenti offerti dal sistema sulla base stessa dei miei contenuti.

Io non sceglierò cioè quali siti usare, ma quali non usare.

 

  • Rete Display
  • Modifica il targeting display
  • Argomenti / Modifica

Sulla base dei contenuti del mio sito, andrò quindi a scegliere quali sono gli argomenti che più si avvicinano al tema delle mie pagine.

Se nell'esempio parliamo di auto usate, potrei scegliere tutta la categoria "auto e veicoli", oppure "marche di automobili" scegliendola tutta o solo la marca specifica delle auto che tratto, oppure "acquisto di veicoli".

Ma se ad esempio voglio offrire un'analisi comparativa, potrei sicuramente scegliere siti con argomento legato a specifiche marche di auto che non vendo direttamente, provando appunto ad infondere curiosità proponendo una marca alternativa. Il concetto implicito è... "cercavi questa? E invece che ne pensi di quest'altra?"

 

Ma ancora... se fossero auto di lusso, potrei scegliere anche come argomento "Acquisti / Articoli di lusso"

 

 

 

Profilare escludendo i posizionamenti


 

A questo punto abbiamo scelto i nostri argomenti e Google inizierà a mostrare i nostri annunci su questi siti. Appena avrà maturato sufficienti dati mostrerà nella scheda Rete Display / Argomenti il corrispettivo CTR per ciascun argomento scelto.

Qui potremmo effettuare la prima scrematura.

Di fatto, se qualcuno dei nostri argomenti lo abbiamo impostato come prova ed i risultati non ci soddisfano, poremmo già toglierlo.

 

Ma il vero elemento di successo arriva dalla scheda Rete Display / Posizionamenti.

Qui il sistema ci mostrerà il CTR su specifici siti web che appartengono ai nostri posizionamenti.

 

Purtroppo non tutti e non subito... ma potremo già iniziare ad escludere determinati siti web che producono pochissimi clic o scarso CTR.

 

E' proprio qui che quindi dovremo agire, andando cioè a togliere posizionamenti a bassa performance, lasciando invece quelli che garantiscono clic (e impressions) e CTR.

In questo modo nell'arco di pochissimo tempo quello che da sempre è il cruccio della rete Display, cioè un CTR basso, diventerà la delizia della vostra campagna, aumentando notevolmente il CTR e mantenendo tuttavia dei costi clic decisamente irrisori (rispetto ai potenziali riscontri che si possono ottenere sulla rete ricerca).

 

 

Riepilogo per la scheda impostazioni


 

Vediamo come impostare il corretto funzionamento della profilatura dalla scheda impostazioni

  • Reti e dispositivi
  • Reti / Modifica / Rete Display
  • Fammi scegliere
  • Escludere la rete ricerca e flaggare Display
  • Selezionare: "Copertura generica: mostra annunci su pagine che corrispondono al mio metodo di targeting principale
  • Salva

 

 

Link Help Center


 

Bio Andrea Testa

Lavoro in ambito web dal 1993 e da sempre mi occupo di indicizzazione e marketing. Dal 2005 affronto l'advertising online e l'indicizzazione con un'ottica prettamente SEM, dedicata cioè al Search Engine Marketing, comprese le sue attuali derivazioni legate ai Social Media. Dal 2012 sono docente di Web Marketing al Corso di Laurea Magistrale in Marketing Consumi e Comunicazione alla IULM di Milano.

Commenti
da PaoloPaolo
in data ‎11-03-2013 23:52

Andrea capisco che puo' essere una domanda generica ma quando ritieni soddisfacente un ctr sulla rete di ricerca? oltre il 0,20% e fino a che percentuali si puo' arrivare? Lo chiedo perche' non ho molta esperienza...

Devo dire che e' vero che i clic sulla rete di ricerca costano meno della meta' ma probabilmente sono anche clic "meno pertinenti"...

Comunque il numero delle impressioni che si ottengono e' davvero "impressionante"...

da Andrea Testa Collaboratore Principale
in data ‎12-03-2013 11:03

In realtà la rete display oggi grazie ai segmenti di target, consente di arrivare a CTR anche piuttosto alti. Lavorare in un range 0,10% - 1% è a mio parere già soddisfacente comunque.

Sotto, vuol dire che qualcosa non sta funzionando.

 

Andrea

da PaoloPaolo
in data ‎12-03-2013 11:29
grazie, tengo a mente il benchmark!