153 utenti online in questo momento
153 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Non riesco a vedere il mio annuncio

adwords-in-testa.png

 

Per chi bazzica in community, questo è un mantra. La community nacque proprio per questo motivo. Immaginate tutti i giorni di svegliarvi e di sentirvi fare sempre la stessa domanda.
O ancora peggio, usciti da scuola alle elementari, la nonna, la mamma, il papà, gli zii... tutti a chiedervi "come è andata a scuola oggi"?
Alla diciassettesima volta, già la voglia di scuola è poca... ma rispondere sempre alla stessa domanda, è frustrante.

Ma in questo contesto, bisogna considerare che chi rivolgeva la domanda, lo faceva per cortesia, non di certo per infastidire.


E allora il concetto di Google si è subito rivolto al cercare di dare una risposta, mai banale e mai nervosa, alla più frequente delle domande. "Non riesco a vedere il mio annuncio".

Fateci caso, sulla community quando sbuca (spesso) questa domanda, le risposte non sono mai arroganti. Magari prima di rispondere dentro di sé uno ci ridacchia, ma poi giù a spiegare mille cose diverse sul perché l'annuncio non compare.

 

E guardate che bene o male, nell'inizio delle nostre attività su AdWords, ci siamo cascati praticamente tutti. La persona più "complicata" che può rivolgere questa domanda, è il cliente. Che chiaramente si cerca e altrettanto chiaramente non userà mai lo strumento di anteprima e diagnosi. Perché a occhio suo, tale strumento è il male! Fatto appositamente e manipolato, per dare un risultato farlocco.
Ma del resto, il cliente solitamente non comprende neanche che a seconda del browser - e dell'utente - sono pure diversi i risultati organici!

 

Ora la domanda è... ma il cliente lo deve sapere? Non necessariamente, non sarebbe infatti cliente se lo sapesse. Compito nostro, è quindi quello di "evangelizzare" sull'uso di AdWords, facendo in modo che alcune trappole - più frequenti di altre - semplifichino al vita a noi e quella del cliente stesso.
Anche perché diciamocelo... potrete portare centinaia di conversioni al cliente, ma se per caso con la cassa piena di lingotti d'oro, si cerca e non si trova... allora apriti cielo!

 

Non riesco a vedere il mio annuncio, è il male. C'è poco da dire.

Quindi, esiste un reale motivo per il quale è importante che l'utente non si cerchi? Perché nella maggior parte dei casi, il non vedere l'annuncio è solo sintomo di una cattiva conoscenza di AdWords.

 

Impression
Prima di tutto, se non si riesce a vedere l'annuncio, bisogna capire se questo fa impression. E' la prima cosa da fare. Impression = l'annuncio qualcuno lo vede.

 

Device
Eh si... prima nessuno ci pensava, ma oggi è d'obbligo. Quindi segmenta > dispositivi. L'annuncio si vede da tutti i device? Non è da sottovalutare.

 

Dimensioni giorno e ora
Punto 3, l'ora e il giorno! Da dimensioni andate in "tempo"... Ci sta anche che il cliente si cerchi alle 23 di sera e in assenza di budget effettivamente l'annuncio scompare.

 

Detto questo, ma perché è veramente importante non far cercare il proprio annuncio? Perché la regolina del CTR, è non è una favola. Soprattutto all'inizio e soprattutto per clienti che usano poco budget. Se il vostro cliente investe migliaia di euro, in fondo in fondo, ha poco impatto... ma se un cliente investe 50 centesimi, o comunque pochi euro al giorno, l'impression senza clic su alcune chiavi, è devastante.

La contro risposta dovrebbe essere "grazie al cielo non ti trovi". Trovarsi e non cliccarsi, magari cliccando - credendo di fare un dispetto - su un competitor, alla lunga (ma neanche tanto), devasta la qualità di quella chiave... e più il cliente persevera, meno - alla fine - Google gli mostrerà quell'annuncio!

Bio Andrea Testa

Lavoro in ambito web dal 1993 e da sempre mi occupo di indicizzazione e marketing. Dal 2005 affronto l'advertising online e l'indicizzazione con un'ottica prettamente SEM, dedicata cioè al Search Engine Marketing, comprese le sue attuali derivazioni legate ai Social Media. Dal 2012 sono docente di Web Marketing al Corso di Laurea Magistrale in Marketing Consumi e Comunicazione alla IULM di Milano.