93 utenti online in questo momento
93 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Configurazione di un rapporto. #GDS #GDSAcademy

GDSAcademy.png

 

Dall'interno dell'editor dell'origine dati, con il quale è stata configurata l’origine dati, facendo clic sulla voce Crea Rapporto in alto a destra e successivamente su Aggiunti a Rapporto è possibile creare un nuovo rapporto.

E’ possibile creare un rapporto anche dalla pagina Rapporti di Google Data Studio, facendo clic sul pulsante con il simbolo (+) in basso a destra o, dall’interno di un rapporto, facendo clic sulla voce Nuovo rapporto del menu File.

Un altro modo, semplice e immediato, è quello di utilizzare uno dei modelli disponibili nella parte superiore della home page di Rapporti oppure, se si intende partire con un report completamente nuovo, fare clic su Modello Vuoto.

Per i nuovi rapporti che non sono stati creati dall’interfaccia delle origini dati è necessario allegarne una: affinché l’interfaccia dell’editor dei rapporti si popoli con tutti i menu e con tutti gli strumenti è necessario aggiungere al rapporto stesso un’origine dati utilizzando il selettore delle origini dati sulla destra.

Se nella lista delle origini dati non è presente quella di interesse è possibile aggiungerla facendo clic sul pulsante in basso denominato Crea nuova origine dati e, a seguire nella finestra di dialogo che si apre, su Aggiungi al rapporto.

A questo punto il menu dell’editor e la relativa barra degli strumenti si popolano con tutte le funzionalità per cui non resta che iniziare a inserire e configurare gli elementi della dashboard.

Vale la pena osservare che un rapporto può essere contemporaneamente collegato a molteplici origini dati.

Un rapporto si compone di vari elementi e in particolare:

  • Pagine: un rapporto può essere composto da una o più pagine all’interno delle quali sono ospitati grafici, elementi testuali o visivi e controlli;
  • Grafici: elementi che si trovano all’interno della pagina e che consentono la visualizzazione dei dati inerenti l’origine dati;
  • Elementi testuali o visivi: testi, titoli, forme o immagini;

Controlli: elementi per delimitare e filtrare la visualizzazione dei dati sia in termini temporali (intervallo date) che in termini di contenuto (filtri).

0 Mi piace
Bio Marco Biagiotti

Laureato in economia ma ufficiosamente hacker, è socio amministratore di Telemaco, agenzia di marketing in Italia e in Marocco, Top Contributor di Google Ad​W​ords​, formatore e​ autore di libri quali Web Marketing Internazionale, Social Media Advertising e Google ​Data Studio Per Tutti. ​​La potenza di AdWords sia in ottica di pubblicità che di raccolta di informazioni non poteva non sedurlo e coinvolgerlo al punto di aiutare altri che vi si avvicinano.

Etichette