369 utenti online in questo momento
369 utenti online in questo momento
Benvenuti nella Community degli Inserzionisti Google
star_border

Google Tag Manager #5: Esempio di funzionalità avanzata

Dopo aver visto in cosa consiste Google Tag Manager e come poter implementare i vari tag all'interno del tag contenitore possiamo iniziare a scoprire altre forme di utilizzo di questo interessantissimo prodotto di Google.

 

Una delle applicazioni più interessanti può essere quella di "aggiustare" la frequenza di rimbalzo per consentire a Analytics di non tracciare come rimbalzi quelle visite che, anche senza altre forme di interazione, hanno mantenuto attiva l'attenzione dell'utente: è il caso, ad esempio, di una pagina puramente descrittiva il cui scopo è quello di informare l'utente.

 

In questi casi è opportuno non considerare come un rimbalzo una visita che consista nella permanenza sulla pagina di almeno il tempo necessario per leggerla interamente: il metodo più semplice è quello di creare un evento automatico al 40esimo secondo (considerando che il tempo medio di lettura della pagina è di 40 secondi) in modo da consentire a Analytics di registrare una forma di "interazione".

 

All'intero dell'interfaccia di GTM è necessario, per prima cosa, creare un nuovo attivatore:

1. Cliccare su "Attivatori" nel menu di destra
2. Cliccare su "Nuovo"

01.png

 

3. Impostare un nome per il Timer
4. Scegliere "Timer" come evento
5. Configurare l'attivatore
6. Scegliere le pagine sulle quali abilitare l'attivatore
7. Attivarlo su tutte le pagine o solo su alcune pagine
8. Salvare l'attivatore

02.png

 

9. Aggiungere un nuovo Tag cliccando su Tag > Nuovo
10. Aggiungere un TAG Analytics (utilizzando il codice ID dell'account Analytics già configurato)
11. Configurarlo come descritto nell'immagine che segue

 

04.png


12. Testare il tutto con la modalità Anteprima
13. Pubblicare

 

Chiaramente questo è solo un esempio per iniziare a creare soluzioni come l'aggiustamento del bounce rate la cui configurazione non si ferma certo a questa breve introduzione.

 

Per chi avesse perso i precedenti articoli, di seguito un riepilogo degli articoli della serie:

Bio Marco Biagiotti

Laureato in economia ma ufficiosamente hacker, è socio amministratore di Telemaco, agenzia di marketing in Italia e in Marocco, Top Contributor di Google Ad​W​ords​, formatore e​ autore di libri quali Web Marketing Internazionale, Social Media Advertising e Google ​Data Studio Per Tutti. ​​La potenza di AdWords sia in ottica di pubblicità che di raccolta di informazioni non poteva non sedurlo e coinvolgerlo al punto di aiutare altri che vi si avvicinano.

Commenti
da Carolina V
in data ‎11-05-2015 18:27

Ciao ti faccio i complimenti ho trovato davvero interessate la tua spiegazione a Google Tag Manager. Non so se puoi aiutarmi ho installato il codice e ho creato il contenitore e il tag di analytics ma continua a segnalarmi questo errore: "An error occured while the tag was fired: net::ERR_NAME_NOT_RESOLVED" 

 

Grazie mille e complimenti

da mbiagiotti Collaboratore Principale
in data ‎11-05-2015 19:35

Ciao Carolina,

 

stai cercando di configurare il Tag Analytics per la frequenza di rimbalzo aggiustata?

 

L'errore che ti segnala è relativo all'impossibilità di risolvere un nome a dominio ovvero la pagina di un sito: sei sicura di aver configurato il Timer inserendo il nome delle pagine nel quale attivarlo con la selezione di "l'url contiene" e non "l'url è uguale"?

 

Puoi fare uno screenshot dell'errore?

 

Ciao,

Marco

da Carolina V
in data ‎12-05-2015 11:05

Grazie mille per la risoposta,

 

No il problema lo riscontro prima durante l'implementazione, le invio due screenschot.

 

Tag manager 2.png

 

Tag manager 2.png

 

Grazie mille.

da mbiagiotti Collaboratore Principale
in data ‎12-05-2015 14:10

Ciao,

 

possiamo darci anche del tu!

 

Putroppo non riesco a vedere gli screenshot ma se questo problema avviene dentro l'interfaccia di Google Tag Manager sembra quasi un problema di connessione o legato alla cache.

 

Potresti provare usando una finestra in incognito di Chrome per vedere se il problema persiste.

 

Ciao,

Marco

da Axoran
in data ‎28-05-2015 17:58

 Ciao Marco,

complimenti per il tuo dettagliato contributo.

 

Ho provato a creare un evento specifico per misurare se i visitatori del sito scaricano una brochure.

 

Ho quindi creato un attivatore, che contiene nella url il nome del file che viene scaricato

Quindi ho creato il relativo Tag, dove ho messo su Attiva il riferimento ad alcune pagine e collegato all'attivatore precedentemente creato

Ho visto tuttavia che in Anteprima il Tag non viene attivato.

Può essere che è dovuto al fatto che quanto viene cliccato sul tasto il file si apre in un'altra scheda del browser. 

E in generale secondo te per monitorare l'evento di scaricare un file.pdf è questa la struttura corretta da attivare con i tag ?

 

Spero di essere stato chiaro, e ti saluto cordialmente

Francesco

 

 

da Filippo L
in data ‎27-10-2015 15:28

Ciao Marco,
innanzitutto grazie perché sei uno dei pochi che ci illumina la strada su GTM.

Io attualmente sto configurando diversi siti per GTM associato a GA con Enhanced Commerce.

Ho visto che i vari plugin disponibili non fanno molto al caso nostro quindi abbiamo implementato il codice per il tracciamento di impression/click/aggiunta a carrello/transazioni in tutti i nostri siti ecommerce e poi siamo passati GTM configurando:

TRIGGERS
1) EC - Event equals gtm.dom (utilizzato come trigger di tutte le pagine)
2) EC - Enhanced Ecom Events (addToCart|removeFromCart|productClick)
3) EC - Purchase click (acquisto completato)

TAGS
1) GA - Page View con EC - All Pages
2) GA EC - Events
3) GA EC - Purchase

Rispetto a quanto visto nei tuoi 5 post sull'argomento quindi le differenze sono:
- presenza del plugin EC
- codice GA richiamato non in "Tutte le pagine" ma con "Event equals gtm.dom"

Ora non so spiegarti come siamo arrivati a questa configurazione, è stato molto un andare per tentativi e errori, perché non c'era una documentazione precisa a riguardo.

Quello che volevo chiederti è cosa ne pensi riguardo all'agganciarsi il codice GA all'attivatore "Event equals gtm.dom" al posto di usare semplicemente "Tutte le pagine".

Noi l'abbiamo fatto perché con "Tutte le pagine" non ci venivano scatenati correttamente gli eventi al click...solo non vorrei che così facendo stiamo sbagliando qualcosa, perdendo qualche dato etc... Cosa ne pensi?

Grazie
Filippo

da mbiagiotti Collaboratore Principale
in data ‎27-10-2015 15:45

Ciao Filippo,

 

così sulla carta dovrebbe andare bene perché "Event equals gtm.dom" è configurato come  "Tutte la pagine": l'unica cosa che, così a occhio, potrebbe creare problemi è che il trigger "Tutte le pagine" viene caricato immediatamente mentre il "Event equals gtm.dom" dopo il caricamento del Document Object Model (DOM) che, sulla base della struttura della pagina, degli script e varie altre variabili potrebbe avere caricamenti "anomali".

 

La soluzione migliore (magari temporanea) potrebbe essere quella di aggiungere un nuovo tag Analytics (con un codice diverso) e confrontare un po' i dati: in questo modo, dopo qualche giorno, dopo aver appurato che la registrazione dei dati del tuo modello è coerente, potrai rimuoverlo.

 

Mi piace la teoria ma quando si lavora su questi dettagli preferisco avere una conferma pratica!

 

Facci sapere poi com'è andata che può essere un'informazione utile anche per altri.

 

Ciao,

Marco

da Filippo L
in data ‎27-10-2015 15:55

Ciao Marco, 

grazie.

 

E' un ottimo consiglio, non ci avevo pensato.

Lo mettiamo in atto subito e poi ti faccio sapere senz'altro.

 

Grazie, a presto

Filippo